Cousins sul suo rientro: "Sarò come mai prima d'ora" | Nba Passion
Cousins sul suo rientro: "Sarò come mai prima d'ora" | Nba Passion
129382
post-template-default,single,single-post,postid-129382,single-format-standard,cookies-not-set,qode-news-1.0.5,ajax_updown,page_not_loaded,,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

Cousins sul suo rientro: “Sarò come mai prima d’ora”

Cousins sul suo rientro: finalmente, dopo mesi di voci e speculazioni, Golden State sarà pronta ad accogliere Demarcus Cousins tra i suoi ranghi venerdì notte. Ad annunciarlo ufficialmente è stato qualche giorno fa lo stesso coach Steve Kerr, il quale aveva addirittura annunciato di volerlo inserire in quintetto base nel match contro i Clippers.

Ai microfoni di ESPN, L’ex New Orleans Pelicans ha voluto esprimere le sue sensazioni riguardo il suo ritorno in campo.

COUSINS SUL SUO RIENTRO: LE DICHIARAZIONI DEL LUNGO

 

 

Il giocatore degli Warriors, in particolare, si è mostrato molto carico in vista del suo debutto, come si evince dalle sue parole.

Sicuramente non sarò lo stesso giocatore che avete già conosciuto. Sono migliorato molto in tante cose e sto cercando di lavorare anche su altri piccoli aspetti per diventare un giocatore sempre più completo

 

Nel dettaglio, l’ex centro dei Sacramento Kings ha raccontato delle difficoltà incontrate nel superare il suo infortunio a livello psicologico. Ad aiutarlo in questo processo alcuni ex grandi del passato, tra i quali Dominique Wilkins (vittima di un infortunio analogo a quello di DeMarcus Cousins nel 1992, a 32 anni) e Kobe Bryant.

Si, ho parlato spesso con Dominique. Lui mi ha consigliato di attaccare il problema ed una volta guarito di non pensare più a cosa è successo. Bisogna solamente andare avanti

 

Cousins si è inoltre soffermato sull’andamento stagionale della sua nuova squadra. Dopo un’inizio stentato e particolarmente complesso, segnato anche dalla diatriba intercorsa tra Kevin Durant e Draymond Green, gli Warriors sembrano essersi ripresi nelle ultime partite. Con un record complessivo di 31-14 Goldens State rimane la squadra da battere e – per molti –  anche da odiare, a giudicare dalle parole di DMC:

Credo che noi siamo la squadra più odiata d’America. Odiano me, KD (Kevin Durant, ndr), Draymond (Green, ndr). Forse l’unico che è veramente amato è Steph. Sinceramente però queste cose non mi interessano

 

Questa notte potrebbe iniziare ufficialmente la stagione 2018-2019 per gli Warriors. Dopo mesi contraddistinti da polemiche, voci e infiniti dibattiti, ora la palla passa finalmente al campo. O meglio, a Cousins.

Sono tornato, e non mi guarderò indietro

Post a Comment