AD7

Donovan Mitchell presente in game-2 contro i Thunder: la situazione

Il candidato alla vittoria al Rookie Of the Year sarà regolarmente in campo in game-2 contro i Thunder

Donovan Mitchell presente anche al secondo atto della serie contro i Thunder. Il numero 45 dei Jazz ha superato il problema al piede che lo ha coinvolto nel finale di match contro Russell Westbrook e soci.

Donovan Mitchell: “Lo staff tecnico non voleva rischiare danni più significativi”

La scorsa notte i Thunder di coach Billy Donovan e gli Utah Jazz di coach Quin Snyder hanno ufficialmente iniziato il loro scontro in questo primo turno di Nba Playoffs 2018.

Lo scontro fra le due franchigie, che vede protagoniste la quarta e la quinta forza della Western Conference, la scorsa notte ha vissuto il suo primo atto tra le mura amiche dei Thunder.

Alla Chasepeake Energy Arena di Oklahoma City sono proprio i Thunder a mantenere inviolato il fattore campo, battendo meritatamente il team di Salt Lake City; privo nel finale della sua nuova giovane stella Donovan Mitchell.

Il rookie in forza ai Jazz ha subito un infortunio al piede negli istanti finali del match, ma sembrerebbe essere assolutamente presente nella sfida di game-2, dati gli esiti negativi resi noti dallo staff medico dei Jazz.

Subito dopo il match, lo stesso Donovan Mitchell parla della sua condizione fisica e del conseguente siparietto avvenuto con coach Quin Snyder.

Ecco le sue parole rilasciate ai microfoni di ‘Espn.com‘:

Ho avuto un piccolo problemino al piede, ma già dal contatto avvenuto in partita non sembrava essere grave. Volevo subito rientrare in campo per poter aiutare i miei compagni, ma il mio head coach ha preferito non voler rischiare e sincerarsi che l’infortunio non fosse grave. Non è ancora finita questa serie e siamo soltanto all’inizio. Farò di tutto per vincere la prossima partita e passare il turno”.

 

LEGGI ANCHE: 

Giannis Antetokounmpo protesta con la direzione di gara: “Il mio sesto fallo è inesistente”

Playoffs gara 1: Paul George, Harden ed i cinque MVP delle prime sfide

LeBron James supera Jordan: 2189 canestri realizzati ai playoffs

Whiteside assente non giustificato: Embiid ancora out in gara 2

Kobe non farà l’analista tradizionale di ESPN: “Non è la mia passione”

SEGUICI SU FACEBOOKINSTAGRAMTWITTER e YOUTUBE

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.