fbpx
Home NBA Playoffs Inside the duel: Raptors-Sixers

Inside the duel: Raptors-Sixers

di Andrea Ranieri

All in. Arriva prima o poi il momento in cui si deve tentare il tutto per tutto, perché la situazione, magari disperata, lo impone. Il rischio preso può pagare o meno, ma una cosa è certa: si arriva sempre alla resa dei conti. Una resa dei conti che può significare successo o fallimento. Quando poi si trovino due diversi all in a scontrarsi il tutto si fa bellissimo: uno dovrà fallire, l’altro otterrà l’agognato obiettivo, in un’atmosfera da poema epico, in una tensione che ci riporta all’ancestrale scontro tra Ettore e Achille. Ettore e Achille nelle Semifinali a Est sono i Toronto Raptors e i Philadelphia 76ers, ma il vero problema è che nessuna delle due vorrebbe trovare il proprio cadavere trascinato nella polvere alla fine del duello, nessuna delle due, insomma, vorrebbe essere Ettore. Eppure una delle due dovrà far proprio questa fine e cadere insieme alla propria città cestistica e qui sta il bello di una serie che procurerà libidine agli appassionati. Raptors-Sixers streaming e analisi del confronto, ricordandoci che comunque anche Achille, alla fine, deve soccombere.

LO SCORE AI PLAYOFF

Toronto Raptors

  • First round: 4-1 vs Magic
  • Offensive Rating: 111.5
  • Defensive Rating: 95.8
  • Team leaders: Kawhi Leonard (27.8 PTS), Pascal Siakam (8.4 REB), Kyle Lowry (8.6 AST)

Philadelphia 76ers

  • First round: 4-1 vs Nets
  • Offensive rating: 115.7
  • Defensive rating: 105.7
  • Team leaders: Joel Embiid (24.8 PTS), Joel Embiid (13.5 REB), Ben Simmons (7.6 AST)

IL DUELLO

Per due squadre che, dopo gli iniziali passi falsi, hanno dominato i rispettivi primi turni, sarà questione di ritmo. La necessità dei Sixers di correre (105.6 possessi a partita) si scontra con la volontà di coach Nurse di non premere troppo sull’acceleratore (95.7). L’organizzazione sistematica dei Raptors permette loro di riuscire a produrre punti anche contro la difesa schierata senza problemi. Kawhi Leonard, attaccante ormai mortifero, è solo la ciliegina sulla torta di un attacco che viaggia a ben il 65% di canestri assistiti nei playoff, trovando punti da un Pascal Siakam sempre più fattore (22.3 nel primo turno). La presenza di Marc Gasol in quintetto non ha cambiato le idee di gioco dei Dinosauri, che continuano a tenere cinque uomini sul perimetro per favorire il penetra e scarica e quindi facili conclusioni al ferro e da tre punti (34% dei punti di Toronto arrivano dall’arco). Ma le penetrazioni al ferro, a differenza degli anni passati, non nascono dagli isolamenti. Arma privilegiata è il pick and pop, giocato soprattutto da Kyle Lowry, con Gasol e Serge Ibaka che amano aprirsi per tirare da fuori, costringendo la difesa a scelte estreme contro un attacco fluido e imprevedibile. D’altro canto per i Sixers è impensabile fare a meno della transizione offensiva, in cui Ben Simmons è assoluto artista, potendo andare in area per concludere o per trovare Tobias Harris e JJ Redick sul perimetro. A metà campo la storia cambia decisamente. Con Simmons sfidato al tiro, Jimmy Butler, Redick e Harris sono “in guerra” per trovare il rispettivo volume di conclusioni. Allora spazio all’arsenale illimitato di Joel Embiid, i cui isolamenti spalle a canestro dovranno essere fattore positivo per la squadra di coach Brown, aprendo spazi anche ai talentuosi compagni, altrimenti costretti a crearseli in soluzioni individualistiche molto rischiose per Phila. Se la produzione del quintetto rimane comunque buona (89 punti di media ai playoff), sussiste sicuramente un problema panchina. L’unico cambio in doppia cifra è Boban Marjanovic, che però non può garantire troppi minuti filati. Troppo poco, a livello offensivo, contro la smisurata panchina Raptors, da cui escono giocatori del calibro di Ibaka, Fred Van Vleet, OG Anunoby (al rientro) e Norman Powell.

 

Raptors-Sixers streaming e analisi: riuscirà Embiid a essere fattore spalle a canestro?

Tra due team tanto ricchi di talento, alla fine, a far la differenza saranno le due difese. Quella dei Raptors, fatte le debite proporzioni, è stata mostruosa nel primo turno. Qui le scelte dovranno necessariamente variare. Lowry diminuirà la pressione sul portatore di palla per sfidare Simmons al tiro e mettergli addosso il corpo nel pitturato. Ovviamente la transizione difensiva sarà chiave per Nurse e i suoi giocatori. Toronto va poco a rimbalzo offensivo (20% dei rimbalzi presi in attacco) e non rischierà di farlo proprio contro i veloci 76ers. A metà campo poi Gasol e Ibaka dovranno confermare l’ottimo lavoro operato su Vucevic anche contro Embiid, che sarà fonte di gioco, preferendo sfidarlo al tiro piuttosto che farlo dominare in area. Sui giochi a due si continuerà sulla strada del cambio sistematico e dell’intasamento dell’area, soprattutto contro una squadra che segna appena il 22% dei propri punti dall’arco. Phila, dal canto suo, ha difeso abbastanza male contro i Nets e avrà necessità di aumentare la qualità della fase di non possesso. I temi principali saranno due. Prima di tutto si dovrà nascondere Redick, cercando di non farlo turbinare nella circolazione di palla dei Raptors e affidandogli su Danny Green. In secundis, sarà necessario proteggere Embiid, che è grande difensore nel pitturato, ma sarà costretto a inseguire Gasol e Ibaka. Cambi difensivi quindi da escludersi a priori. L’idea principale sarà quella di mettere pressione grazie alla fisicità di Simmons, Butler ed Harris, per poi confidare nella protezione del ferro di Embiid. Difesa significa contropiede o transizione, quindi ritmo alto. Ritmo alto significa che i Sixers vinceranno la serie. Se questo non è uno stimolo sufficiente a difendere per davvero…

I Raptors hanno spesso costretto Vucevic a scaricare sul perimetro, sarà lo stesso contro Embiid?

RAPTORS: ROSTER E ROTAZIONI

  • Patrick McCaw, #1
  • Kawhi Leonard, #2
  • OG Anunoby, #3
  • Kyle Lowry, #7
  • Jordan Loyd, #8
  • Serge Ibaka, #9 C-
  • Malcolm Miller, #13
  • Danny Green, #13
  • Eric Moreland, #15
  • Jeremy Lin, #17
  • Jodie Meeks, #20
  • Fred Van Vleet, #23
  • Norman Powell, #24
  • Chris Boucher, #25
  • Marc Gasol, #33
  • Pascal Siakam, #43

SIXERS: ROSTER E ROTAZIONI

  • Ben Simmons, #25
  • JJ Redick, #17
  • Jimmy Butler, #23
  • Tobias Harris, #33
  • Joel Embiid, #21
  • Boban Marjanovic, #51
  • Jonathon Simmons, #14
  • T.J. McConnell, #12
  • Mike Scott, #1
  • Furkan Korkmaz, #30
  • Greg Monroe, #55
  • Zhaire Smit, #8
  • Amir Johnson, #5
  • James Ennis III, #11
  • Haywood Highsmith, #7
  • Shake Milton, #18

RAPTORS-SIXERS STREAMING

Cercherete Raptors-Sixers streaming per non perdervi il confronto? Faccia a faccia ci saranno due squadre con un attacco micidiale e che per caratteristiche regalano sempre giocate spettacolari e tanto contropiede. Ecco come trovare Raptors-Sixers streaming:

  • Raptors-Sixers streaming su Sky Go
  • Raptors-Sixers streaming su NBA League Pass

Nel primo caso potrete seguire i playoff su Sky attraverso l’applicazione Sky Go disponibile per smartphone, tablet e pc. Cosa occorre? Basta avere un abbonamento con Sky da almeno un anno ed avere attivo il pacchetto sport. Con Sky Go avrete la possibilità non solo di vedere in diretta tutti i match, ma anche di registrarli e riguardarli quando voi vorrete sui vostri dispositivi.

Con NBA League Pass invece basta abbonarsi al sito NBA League Pass e selezionare il pacchetto desiderato in modo da poter vedere le partite sia in diretta che in contemporanea, sui vostri dispositivi preferiti.

Raptors-Sixers streaming: Pascal Siakam giocherà un'altra grande serie?

Raptors-Sixers streaming: Pascal Siakam giocherà un’altra grande serie?

La serie tra Toronto e Philadelphia ha tutte le carte in regola per essere lunga ed equilibrata, con la tensione di due squadre che buttano tutto sul tavolo da gioco. La sensazione però è che i Raptors abbiano qualcosa in più, siano più organizzati ed esperti, godano di certezze più solide, partendo per questo leggermente favoriti.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi