fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationAll Stars Game All-Star Game, Miami ci prova per il 2019

All-Star Game, Miami ci prova per il 2019

di Gabriel Greotti

Secondo quanto dichiarato dal president of business operations dei Miami Heat Eric Woolworth nella serata di ieri, sebbene Miami non sia nei progetti immediati della lega riguardo l’All-Star Game, la città potrebbe rimanere in lizza per ospitare l’evento nel 2019, con il Super Bowl nel 2020. Woolworth, ha poi aggiunto che la possibilità di riportare l’evento nel sud della Florida è stata valutata dai commissari della NBA. Come riporta Ira Winderman, reporter di Sun Sentinel, Woolworth, in presenza anche di Alonzo Mourning e Josh Richardson, avrebbe detto:

La NBA ci ha fatto capire che sarebbero interessati ad organizzare l’All-Star Game a Miami. Così abbiamo cominciato a mobilitare un po’ la città per vedere cosa possiamo fare, ma siamo ancora nelle fasi preliminari di tutto il processo.

Intanto, la NBA, ha comunicato che le città che ospiteranno l’All-Star Game 2017 e 2018 dovrebbero

AAArena Miami

AAArena, casa dei Miami Heat

essere Charlotte e Los Angeles.

Le preoccupazioni, intanto, in Florida non mancano mai: a Miami infatti, è già previsto l’International Boat Show, manifestazione che si svolgerà nello stesso periodo dell’All-Star Game. A questo proposito, Woolworth avrebbe detto:

Il Boat Show è ancora un problema, non sappiamo cosa succederà con il Convention Center di Miami Beach, quindi attendiamo sviluppi. Tuttavia siamo dell’idea che ci possano essere  altre opzioni in città, stiamo iniziando a guardarci intorno.

Miami si prepara ad ospitare un grande evento NBA dopo il 1990, anno in cui la manifestazione si svolse all’interno dell’allora Miami Arena. Riuscirà la società a sopperire ai problemi legali ed organizzativi? Sicuramente ospitare un evento del genere sarebbe sarebbe motivo di lustro per la franchigia di proprietà di Ted Arison, ma il lavoro da fare per permettere all’NBA di organizzare un evento di simile portata a South Beach è ancora molto, e tre anni non sono poi troppi per affrontare tutti i problemi del caso e risolverli nelle tempistiche adeguate. Sarà compito di tutta l’organizzazione degli Heat fare del proprio meglio affinché tutto questo possa avvenire.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi