Kyrie e KD: due grandi solisti a capo del collettivo dei Brooklyn Nets
143632
post-template-default,single,single-post,postid-143632,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Kyrie e KD: due grandi solisti a capo del collettivo dei Brooklyn Nets

NBA free agency 2019

Kyrie e KD: due grandi solisti a capo del collettivo dei Brooklyn Nets

“La pallacanestro è condividere“. Innegabile: la pallacanestro è condividere comportamenti, idee, emozioni, uno stile di gioco. Ma più banalmente è condividere un pallone. Si dice sempre che le squadre che si passano tanto la palla sono quelle che giocano meglio al Basket. Qualunquismo. Una squadra che gioca innumerevoli isolamenti e si affida al talento del singolo può esprimere una pallacanestro altrettanto spettacolare e, soprattutto, efficace. Tanto alla fine, diciamolo, conta vincere. Altrimenti perché un team come i Brooklyn Nets, arrivato inaspettatamente ai playoff la scorsa stagione grazie a una pallacanestro di condivisione, ha scelto di puntare su Kyrie e KD? Nessuno d’altronde potrebbe negare che il gioco di Kyrie Irving e Kevin Durant si basi su tanti palleggi e sugli isolamenti, eppure parliamo di due giocatori che hanno vinto tre titoli NBA. La pallacanestro è condividere, ma è anche uno contro uno; anzi, l’uno contro uno è l’essenza della sfida sul campo. Per questo coach Atkinson e Sean Marks hanno scelto di puntare su Kyrie e KD.

L'uno contro uno è essenza del basket: ecco perché Kyrie e KD possono inserirsi bene nel sistema dei Brooklyn Nets

L’uno contro uno è essenza del basket: ecco perché Kyrie e KD possono inserirsi bene nel sistema dei Brooklyn Nets

KYRIE IRVING E LA NECESSITA’ DI (NON) RIPETERSI

Circondato da giovani promettenti, da un’ottima coralità, da un coach di livello e privo della propria “spalla” principale per la prima stagione. L’esordio dell’esperienza di Kyrie Irving ai Brooklyn Nets ripercorre sinistramente quella negativa vissuta ai Boston Celtics. Il primo passo sarà quello di migliorare a livello di leadership, evitando esternazioni pubbliche su ciò che accade nello spogliatoio. Dopodiché si può entrare nel tecnico. A Boston Kyrie ha dimostrato che il suo uno contro uno rimane l’arma principale. Soprattutto nella prima stagione questo dovrà essere il modo per togliere pressione ai compagni in ascesa ma ancora inesperti. Nei momenti difficili, Irving avrà il compito di essere una guida, di essere quel quid in più, in grado anche, se necessario, di vincere le partite da solo.

Kyrie e KD dovranno essere l’arma in più soprattutto per le loro capacità in uno contro uno

Ma non solo. L’uno contro uno del nativo australiano dovrà essere anche fonte di occasioni per gli altri. E’ chiaro che un solista del genere attirerà le attenzioni delle difese avversarie e questo dovrà concretizzarsi in assist e scarichi che diano ritmo al supporting cast. Da questo punto di vista l’ultima stagione di Uncle Drew (a 6.9 assist di media) rappresenta un incoraggiante punto di partenza. Ed è ancor più promettente se si pensa che, a differenza dei Celtics, i Nets possono offrire alla loro pointguard di giocare pick and roll con bloccanti del livello di DeAndre Jordan e Jarrett Allen. E’ indubbio invece che la passione per il gioco in campo aperto di Atkinson aiuterà Kyrie a esprimere il proprio talento, un elemento fondamentale per crescere anche in attesa di Kevin Durant. Insomma, i Brooklyn Nets hanno una necessità: che Kyrie Irving sia quello dei Cleveland Cavaliers, prendendo solo le cose positive (poche) fatte in maglia Celtics. Dovrà ripetersi, ma non del tutto.

KEVIN DURANT: RISORGERE E DIMOSTRARE

I medici hanno ventilato la possibilità che Kevin Durant non torni più quello di prima dopo il grave infortunio occorsogli. Non vogliamo né siamo in grado di entrare nei dettagli della questione, ma ben conosciamo il tipo di giocatore. Un giocatore che non ha bisogno di grande atletismo ed esplosività, perché fa della tecnica sopraffina il suo vero punto di forza. Il suo talento nel segnare in mille modi dovrà trasformarsi, dalla stagione 2020/2021 nella prima o seconda arma offensiva dei Brooklyn Nets. Magari considerando di giocare la famosa regular season in “ciabatte”, per poi attivarsi durante i playoff.

Kyrie e KD: per il secondo anche l’impatto difensivo sarà importante

Durant sarà una soluzione in più anche in difesa, dove le leve lunghe e la capacità di proteggere il ferro si uniranno alle abilità atletiche di Jordan e Allen, un gruppo di rim-protector potenzialmente senza precedenti. La presenza di attaccanti come Irving e Spencer Dinwiddie permetterà a KD di non dover creare sempre tiri dal nulla e di risparmiarsi quando la situazione lo permetta. La solidità di un sistema come quello dei Nets, che di una prima punta come l’ex Warriors ha bisogno, è l’ideale per un recupero tranquillo. Essere coronamento di una squadra in ascesa prepotente. Risorgere dal brutto incidente e dimostrare di poter vincere oltre Golden State. Durant è determinato ad uscire dalla ombra, proprio come i Brooklyn Nets. Funzionerà.

KYRIE E KD: CILIEGINE SULLA TORTA O GRANATE IN ESPLOSIONE?

Kyrie e KD sapranno essere semplicemente quelle stelle che il sistema Nets necessita per puntare al titolo? Non è facile a dirsi, l’esperienza recente di Boston insegna. Si tratta di inserire in un gruppo promettente due superstar (tre con DeAndre Jordan) inevitabilmente invasive. La sensazione è però che la situazione sia diversa da quella creatasi nel Massachusetts. I Brooklyn Nets devono crearsi una storia vincente, una “loro” storia vincente; proprio come Uncle Drew deve dimostrare di poter vincere senza LeBron James e KD di poterlo fare al di fuori di Golden State. Comunità, condivisione (per tornare all’inizio) di intenti, quanto di più ben augurante possa esservi. LeBron ha abdicato, Leonard lo ha seguito per incrociare le armi con lui. L’Est ha bisogno di un nuovo Re, che potrà rispondere al nome di Kevin Durant, con Kyrie Irving principe designato e una squadra, una città come sudditi fortemente interessati.

 

Andrea Ranieri
andreranieri98@gmail.com

Studente di lettere presso l'Università Statale di Milano. Allenatore e appassionato di pallacanestro, americana ed europea. Redattore per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment