Kyrie Irving: tra incentivi e bonus tutti i dettagli del suo contratto
143734
post-template-default,single,single-post,postid-143734,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Kyrie Irving: tra incentivi e bonus tutti i dettagli del suo contratto

kyrie irving

Kyrie Irving: tra incentivi e bonus tutti i dettagli del suo contratto

Come si motiva un giocatore inquieto e permaloso come il recente acquisto dei Brooklyn Nets Kyrie Irving? Con degli incentivi.

Il nuovo contratto da 136 milioni di dollari complessivi di Kyrie Irving (player option sull’ultimo anno) contiene una serie di 8 incentivi diversi, criteri che il giocatore dovrà soddisfare per “fare cifra tonda” e raggiungere, anno dopo anno, quota 136.

3 milioni di dollari di differenza da guadagnarsi stagione dopo stagione, siglando di volta in volta traguardi importanti. Zach Lowe e Bobby Marks di ESPN li hanno elencati.

Kyrie Irving otterrà un bonus di 125mila dollari per ognuno dei seguenti punti:

  • almeno 70 partite di stagione regolare disputate
  • almeno 60 partite di stagione regolare e meno di 2.4 palle perse di media a partita (furono 2.6 lo scorso anno)
  • 88.5% minimo ai tiri liberi (Irving è un tiratore da 87% in carriera)
  • almeno 2.8 tiri da tre punti realizzati a partita (2.1 la media carriera)
  • meno di 2.1 falli di media a partita (2.2 la media in carriera per l’ex Cleveland Cavs)
  • almeno 114 punti per 100 possessi in stagione regolare per i Brooklyn Nets, con Irving in campo

Obiettivi ambiziosi per un giocatore la cui reputazione come leader e uomo squadra ha ricevuto un duro colpo la scorsa stagione ai Boston Celtics, tra sfuriate pubbliche ai compagni ed un incredibile finale di stagione con una serie di playoffs – quella contro i Milwaukee Bucks – giocata “al contrario” e caratterizzata da dichiarazioni improvvide.

I bonus e la leggera decurtazione cui sia Kyrie Irving che Kevin Durant hanno acconsentito sul loro contratto con Brooklyn hanno inoltre reso possibile l’ingaggio del veterano ex Mavs e Clippers DeAndre Jordan, che dalla panchina sarà una valida alternativa al terzo anno Jarrett Allen, e della seconda scelta 2019 Nicolas Claxton da Georgia.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment