fbpx
Home Eastern Conference Teams Heat, buone notizie: Bosh é pronto per il training camp

Heat, buone notizie: Bosh é pronto per il training camp

di Aaron Lionti

La scorsa stagione non è stata facile per i Miami Heat, anche a causa dell’addio di giocatori importanti come Shane Battier, Ray Allen , Rashard Lewis e, ovviamente, Lebron James.

Coach Spoelstra, si è ritrovato ad avere una squadra totalmente ridimensionata dopo 4 anni consecutivi in cui aveva la squadra più forte dell’Nba. A complicare ulteriormente le sorti della stagione sono arrivati gli infortuni della star Chris Bosh, del lungo Josh McRoberts e le continue ricadute dell’uomo di punta Dwyane Wade.

Le stelle dei Miami Heat, in una delle poche partite in cui hanno giocato insieme l'anno scorso.

Le stelle dei Miami Heat, in una delle poche partite in cui hanno giocato insieme l’anno scorso.

Tuttavia l’allenatore, come riportato da NBCsport, non è intenzionato a guardarsi indietro e riguardo al pessimo record (37-45) avuto l’anno scorso ha dichiarato: “ Si, ci sono cose che avrei fatto diversamente. Ma serve a qualcosa fare un’intera autopsia in questo momento? No. Mi prendo la responsabilità per tutto quello che è successo. Non me ne sto lavando le mani, ma ora sono concentrato su questa squadra e le sue grandi aspettative future. E sapete una cosa? È cosi che mi piace ragionare.”

La prossima settimana comincerà il training camp degli Heat e la rosa sarà finalmente al completo. Bosh e McRoberts hanno recuperato completamente dai rispettivi infortuni e completeranno il reparto lunghi con l’ex all-star Amare Stoudemire e un Whiteside in costante crescita da quando gli sono stati concessi maggiori minuti in campo.

A completare la rosa ci saranno Goran Dragic, Gerald Green e il rookie Josh Richardson nel ruolo di guardie; mentre Luol Deng e il probabile steal of draft Justise Winslow saranno le ali.

Un roster ben strutturato ed equilibrato in ogni ruolo tra panchina e quintetto base, che riporterà senza dubbio questa squadra ai vertici della Eastern Conference. Adesso la palla ritorna nelle mani del coach che, dopo essersi preso le responsabilità della deludente stagione, dovrà far funzionare perfettamente gli ingranaggi di questa squadra, tirando fuori il meglio da ogni suo giocatore.

 

Per Nba Passion,

Aaron Lionti

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi