Kemba Walker e New York Knicks, niente interesse reciproco?
140425
post-template-default,single,single-post,postid-140425,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Kemba Walker e New York Knicks, niente interesse reciproco?

Kemba Walker e New York Knicks, niente interesse reciproco?

Il prossimo 30 giugno, alle ore 18.00 americane, prenderà il via quella che si prospetta essere una delle offseason più calde degli ultimi anni. Diverse franchigie, già da diverso tempo, hanno iniziato a sondare il terreno alla ricerca dei pezzi più pregiati nella lista dei futuri free-agents. Giocatori come Kevin Durant e Kawhi Leonard hanno monopolizzato quasi interamente l’attenzione della stampa, lasciandone altri in secondo piano, come Kemba Walker. Leader indiscusso degli Charlotte Hornets per qualità tecniche innate, Kemba non sembrerebbe particolarmente intenzionato a lasciare la franchigia della North Carolina.

Secondo quanto riportato da Ian Begley di SNY, Walker avrebbe escluso l’ipotesi di firmare per i New York Knicks. Ironia della sorte, la dirigenza dei Knicks, in cerca di un secondo violino da affiancare, eventualmente, a uno tra Kevin Durant o Kyrie Irving, non avrebbe nemmeno preso in considerazione l’idea di ingaggiarlo. Con l’improvviso e reciproco interesse tra Kyrie Irving e i Brooklyn Nets, dovuto anche al recente scambio proprio tra i Nets e gli Atlanta Hakws la squadra di Coach David Fizdale si trova in una situazione piuttosto complessa. Tuttavia, la pista Walker rimane ancora piuttosto lontana dai pensieri del front-office dei Knicks.

 La free agency di Kemba Walker

Nonostante il numero 15 degli Hornets, che sarà un free agent senza restrizioni, abbia promesso in più occasioni fedeltà alla franchigia che lo ha reso una tra le migliori point-guard della lega, sembrerebbe non aver abbandonato del tutto l’idea di iniziare una nuova avventura altrove. La nomina nel terzo quintetto NBA ha garantito a Walker il diritto ad una supermax extension” con la franchigia della Buzz City, del valore di 221 milioni di dollari spalmati in 5 anni. Elemento chiave in ottica free agency. Qualora Kemba firmasse con altre squadre, rinuncerebbe a circa 80 milioni di dollari. Tutte le altre franchigie, infatti, potrebbero offrirgli un contratto da “soli” 141 milioni di dollari dalla durata di 4 anni.

Il giocatore sembrerebbe così diviso tra l’assicurarsi un contratto a cifre stellari, rimanendo, e l’andarsi ad accasare presso una squadra con possibilità di competere. Ad oggi, sebbene Charlotte sia ancora lontana dal livello delle migliori squadre da playoff della lega, la North Carolina sarebbe ancora la “priorità” del giocatore. 

Alessandro Lorenzi
Alessandrolorenzi26@gmail.com
No Comments

Post A Comment