fbpx
Home Eastern Conference Teams Miami Heat: l’uomo in più si chiama Tyler Johnson

Miami Heat: l’uomo in più si chiama Tyler Johnson

di Mattia Picchi

Proprio così: nonostante il malumore per il caso Gerald Green (che rientrerà in gruppo solo oggi) e la cessione di Mario Chalmers (8 anni a South Beach per lui), c’è una nuova nota lieta. Si chiama Tyler Johnson, è stato scovato da Riley nella D-League a metà dell’ultima deludente stagione e si sta rivelando l’uomo in più per questa squadra. Il suo impatto in uscita dalla panchina è devastante, non solo per l’energia che mette tanto in attacco quanto in difesa, ma anche per la vena realizzativa che ha permesso agli Heat di portarsi a casa la vittoria contro gli Utah Jazz.

Johnson in azione contro i T'Wolves

Johnson in azione contro i T’Wolves

Nel momento infatti di rimonta da parte degli ospiti, prima ha piazzato l’alley- oop per Hassan Whiteside e successivamente ha segnato il lay-up che di fatto ha chiuso la partita, prima dei liberi decisivi di Dragic. Senza Wade e lo stesso Green, Johnson ha dato quell’impatto che serviva a tutta la squadra risultando così decisivo: 17 punti, 4 rimbalzi e 3 assist in 29 minuti abbondanti di gioco sono un ottimo bottino per continuare a scalare gerarchie nella testa di Spoelstra. Certo è che dopo le ultime prestazioni, gli Heat non possono più fare a meno dell’energia di Johnson, che unita al talento di Wade quando rientrerà, e alla sregolatezza di Green, potrebbero formare un giusto mix esplosivo decisivo per accedere ai Playoffs in una posizione favorevole.

Per Nba Passion,

Mattia Picchi (Mattiapicchi on Twitter)

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi