Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsGolden State Warriors NBA: Warriors ancora in finale, Stephen Curry MVP delle Conference Finals

NBA: Warriors ancora in finale, Stephen Curry MVP delle Conference Finals

di Michele Gibin
stephen curry

Con 15 punti in gara 5, che sancisce per i Golden State Warriors il ritorno alle NBA Finals, Stephen Curry si è aggiudicato il premio di MVP delle finali della Western Conference nel primo anno in cui la lega assegna il premio.

Gli Warriors hanno battuto al Chase Center i Dallas Mavericks per 120-110, Curry ha chiuso con 5 su 17 al tiro e 9 assist la sua partita, lasciando il proscenio a un Klay Thompson da 32 punti, e nonostante una gara 5 non brillante dal campo è stato premiato come miglior giocatore della serie. Per Steph una finale di conference da 23.8 punti a partita con il 44% al tiro, il 43.9% da tre punti con 6.6 rimbalzi e 7.4 assist in 5 partite, e un +9 di plus\minus.

In gara 5 Golden State ha preso il largo già nel secondo quarto, guidata dalle triple di Thompson (8 su 16 alla fine) e da Jordan Poole. Kevon Looney ha infine chiuso la partita con una doppia doppia da 10 punti e ben 18 rimbalzi con 4 assist, gli Warriors non hanno minimamente pagato la serata di scarsa mira al tiro da tre di Curry (2 su 7) e Andrew Wiggins (0 su 7).

Stephen Curry ha ricevuto il premio, il primo MVP delle Western Conference Finals della storia NBA, dedicato a Magic Johnson. Il premio per l’MVP della finali a Est è invece intitolato a Larry Bird. “E’ una bella cosa soprattutto visto a chi è intitolato, Magic ha messo l’asticella al vertice per quanto riguarda essere una point guard d’elite nella NBA, è l’eccellenza“, ha detto Curry dopo la partita.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da NBA Passion (@nbapassion_com)

Warriors, Kerr celebra Stephen Curry: “La sua difesa sottovalutata”

Per i Golden State Warriors, quelle del 2022 saranno le seste NBA Finals dal 2015, Curry e compagni hanno vinto tre titoli NBA e nell’ultima occasione, nel 2019, persero per 4-2 contro i Toronto Raptors di Kawhi Leonard in una serie distinta dai due gravi infortuni in gara 5 e gara 6 di Kevin Durant e Klay Thompson.

Ora torniamo alle Finals, ma rispetto al passato vediamo tutto in una prospettiva diversa. Giochiamo ancora al livello più alto e ora vogliamo solo vincere, non pensiamo troppo in là anche se abbiamo ancora tanto da dare“.

Per coach Steve Kerr, il premio per Curry è tra le altre cose un riconoscimento all’aspetto meno celebrato del suo gioco: “La sua difesa, per tutto l’anno se n’è parlato troppo poco. Non è mai stato così forte fisicamente, è ancora in grado di giocare 35 minuti, lottare e passare sui blocchi, e in attacco gestire il pallone, servire i compagni e segnare (…) lui è il nostro motore in attacco, tutto gira attorno a lui anche in serate come queste in cui non tira bene“.

Le NBA Finals 2022 inizieranno il 2 giugno, gli Warriors affronteranno la vincente della serie tra Boston Celtics e Miami Heat, sul 3-2 per Boston. Per Stephen Curry sarà un’altra occasione per vincere il grande premio che ancora manca in bacheca, quello di MVP delle finali finora sfuggito in tre occasioni.

You may also like

Lascia un commento