Home NBA, National Basketball AssociationNBA News 76ers, Embiid “archivia” Ben Simmons: “Siamo a posto così”

76ers, Embiid “archivia” Ben Simmons: “Siamo a posto così”

di Michele Gibin
embiid simmons

Dopo aver disposto facilmente dei Boston Celtics, battuti per 111-99 al Wells Fargo Center, Joel Embiid è tornato a parlare seppur in modo indiretto della situazione attorno a Ben Simmons, mercato compreso.

Embiid ha chiuso la sua partita contro Boston con 25 punti, 13 rimbalzi e 6 assist, una gara in cui hanno dato il loro grande contributo in attacco anche Tyrese Maxey, Seth Curry e Tobias Harris. La più classica delle “vittorie di squadra” con i Sixers in largo vantaggio sin dalle prime battute.

E vittoria che vale un record di 24-17, utile per continuare a inseguire il risultato minimo del sesto posto a Est che significa playoffs diretti, senza passare dagli insidiosi play-in. “Personalmente mi sento benissimo“, spiega Joel Embiid “E se guardo a come siamo messi quando abbiano tutta la squadra a disposizione, siamo 21-9 in quelle partite. Lì con i migliori della NBA. Per cui tutto quello di cui abbiamo bisogno ora è restare in salute (…) e vi dirò di più, non penso che abbiamo ancora giocato il nostro miglior basket, possiamo fare di più. Ci mancano ancora dei giocatori che possono darci una grossa mano, Per cui no, non sento particolare urgenza di cambiare chissà cosa, abbiamo già tutto quello che ci serve“.

Un ovvio riferimento a ogni scenario di trade che coinvolgerebbe Ben Simmons, e che avrebbe l’effetto di portare tanti giocatori nuovi a Philadelphia. Qualcosa di cui Embiid al momento non avverte il bisogno. i 76ers si sono dimostrati squadra profonda, Tyrese Maxey al suo secondo anno ha saputo riempire in modo eccellente il buco lasciato da Simmons, e giocatori come Seth Curry e Furkan Korkmaz stanno vivendo la loro miglior stagione in carriera.

Insomma, pare che la squadra abbia scordato di essere senza un 3 volte All-Star come Ben Simmons.

Per Embiid, i Sixers “al loro meglio” possono battere chiunque, un obiettivo però ambizioso: “Abbiamo bisogno di ancor più continuità da parte di tutti, sera dopo sera, sia dai giocatori migliori che dai ragazzi in panchina“.

Parlando della vittoria contro i rivali di sempre, i Boston Celtics di Jayson Tatum, Embiid non si risparmia una frecciata: “Rispetto a Charlotte ad esempio (…) sono una squadra più semplice da affrontare. Gli Hornets muovono il pallone e hanno tanti tiratori, Boston fa molto più affidamento sugli isolamenti… fermarli così diventa più semplice“.

You may also like

Lascia un commento