fbpx
Home NBANBA News Blazers, Carmelo Anthony debutta con 10 punti: “Sono di nuovo nel mio mondo”

Blazers, Carmelo Anthony debutta con 10 punti: “Sono di nuovo nel mio mondo”

di Michele Gibin

L’esordio in maglia Portland Trail Blazers per Carmelo Anthony si chiude con una prova da 10 punti, 4 rimbalzi e 5 falli commessi in 24 minuti di gioco, e con una sconfitta contro i New Orleans Pelicans.

Melo parte in quintetto base, subito gettato nella mischia da coach Terry Stotts ad oltre un anno dalla sua ultima partita NBA ufficiale, di fianco a Anfernee Simons (che sostituisce l’acciaccato Damian Lillard), C.J. McCollum, Rodney Hood e Hassan Whiteside.

Anthony segna 7 dei suoi 10 punti finali nel solo primo quarto, i Trail Blazers senza Lillard e in back to back lottano ma cedono nel terzo periodo (35-25 il parziale) a Jrue Holiday (22 punti e 10 assist) e Brandon Ingram (21 punti, 7 rimbalzi e 5 assist). Per Portland è la decima sconfitta stagionale, un momento difficile addolcito però dai segnali incoraggianti di Carmelo Anthony.

Ritornare di nuovo in partita è stato bello, sono tornato al mio posto, su un campo da basket” Così l’ex star di New York Knicks e Denver Nuggets “Ho ritrovato quella routine fatta di viaggi in autobus con la squadra, il pranzo assieme, lo spogliatoio… cose che sono state mie per 17 anni. Con l’andare dei minuti, mi sono sentito sempre meglio“.

I Blazers hanno dimostrato di credere ancora in me, giocatori e staff. Arrivato a questo punto, mi sentivo in pace con il pensiero che forse non avrei più giocato nella NBA, ci sono state volte in cui ho pensato di smettere ed andare avanti con il resto della mia vita… la pallacanestro è stata parte di me per 25 anni, superare dei momenti così non è stato facile. Oggi? vedo tutto con occhi diversi, dal punto di vista mentale, fisico ed emotivo. Ora posso tornare a pensare al basket, grazie anche a questi ragazzi

4 su 14 al tiro per Anthony, che ha iniziato la partita in modo aggressivo in attacco, segnando il suo primo tiro da tre punti ed attaccando dal post medio. Caratteristiche che mancano oggi all’attacco di Portland: “L’ho visto bene, in attacco è sembrato a suo agio, si è creato buoni tiri ed ha attaccato il ferro in un paio di occasioni “Coach Terry Stotts valuta l’impatto di Melo a fine gara “Per uno con un solo allenamento con la squadra nelle gambe, non male“.

La fisicità del gioco è diversa” Ancora Anthony “Il metro arbitrale è diverso, ed anche il modo di giocare è diverso da come lo avevo lasciato. Dovrò aggiustare il tiro di nuovo“. Coach Stotts progetta di utilizzare Anthony da titolare anche per le prossime partite, anche con il ritorno di Damian Lillard. Uno dei leit motif dell’ultima parte di carriera di Melo è stata la sua disponibilità ad accettare un ruolo da “panchinaro“, ruolo cui aderì di buon grado nella breve parentesi dello scorso anno a Houston.

Sono a completa disposizione, se dovrò partire titolare, che sia. Se dovrò partire dalla panchina, che sia. Le conversazioni che abbiamo avuto prima della firma sono state molto chiare, c’è stata grande trasparenza

Per i Blazers, è C.J. McCollum il top scorer di serata con 22 punti, ma 9 su 22 al tiro contro la marcatura aggressiva di Jrue Holiday. Buona prova in uscita dalla panchina per il rookie Nassir Little, che in 23 minuti chiude con una doppia doppia da 12 punti e 11 rimbalzi. Per i Pelicans ci sono 14 punti, 6 rimbalzi, 4 assist e 3 recuperi difensivi per l’azzurro Nicolò Melli, in 24 minuti di gioco. Melli ha approfittato dell’infortunio di Jahlil Okafor per riproporsi come primo cambio del titolare (ed oggi infortunato) Derrick Favors, davanti all’altro rookie Jaxson Hayes da Texas.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi