fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Blazers, Jusuf Nurkic: “Potrei giocare anche da quattro, sono pronto a prendere più tiri da fuori area”

Blazers, Jusuf Nurkic: “Potrei giocare anche da quattro, sono pronto a prendere più tiri da fuori area”

di Gabriele Melina

In quel di Portland, coach Terry Stotts ed i suoi Trail Blazers stanno cercando di rivedere e rifinire le rotazioni in vista della ripresa NBA. Ad Orlando, la squadra capitanata dalla point-guard Damian Lillard si presenterà come nona posizionata ad ovest, attraverso un record di 29 vittorie a fronte di 37 sconfitte. Nonostante l’immensa voglia di ottenere successi ed approdare ai playoffs, i Blazers dovranno fare i conti con un’incognita da non sottovalutare: il rientro in formazione del lungo Jusuf Nurkic.

Infortunatosi il 26 marzo del 2019 con una frattura alla gamba sinistra, Nurkic ha passato la fase conclusiva della scorsa stagione, oltre a tutte le gare disputate fino ad oggi, in fase di riabilitazione da quel grave accidente. Dopo mesi interminabili di recupero, fisico e mentale, era stata stimata una data per il rientro in campo del bosniaco: lo scorso 15 di marzo contro gli Houston Rockets. Inutile dire che tale incontro non ha mai preso il via, causa la sospensione del campionato a seguito della diffusione del Sars-CoV-2.

Nurkic ha quindi avuto a disposizione ulteriori settimane per rimettere in forma il suo corpo. Certo, un’astinenza così lunga dal gioco del basket non porta mai a dei buoni risultati immediati, ma il lungo dei Trail Blazers ha dichiarato di essere pronto a lavorare sodo sul parquet per conquistare il posto che gli spetta in squadra.

Blazers, Jusuf Nurkic: “Potreste vedermi giocare anche da quattro, sono pronto a lavorare sodo”

Secondo alcune fonti vicine alla squadra, coach Stotts potrebbe mettere in campo un quintetto con due lunghi, tra cui Hassan Whiteside, ed, ovviamente, Jusuf Nurkic. Una scelta sicuramente inusuale, visto l’andamento recente delle formazioni NBA, tendenti sempre di più al schierare giocatori “piccoli” anziché lunghi “vecchio stampo“, la quale però potrebbe sorprendere molte squadre che su questa nuova tendenza ne hanno costruito un intero sistema di gioco.

Non potendo schierare le due torri entrambe ed in contemporanea da numero cinque, potremmo vedere i Blazers con il lungo bosniaco da ala grande. In carriera, Nurkic ha tentato un totale di 42 triple, mandandone a bersaglio solo tre, tutte durante l’annata 2018\19. Tuttavia, il venticinquenne ha dimostrato, seppur solo in allenamento, di disporre di un certo tocco anche dalla media e dalla lunga distanza. Questo è un aspetto del suo gioco che, se portato a livelli superiori rispetto ad ora, potrebbe aiutare ulteriormente l’avanzata offensiva di Portland, rendendola ancora più pericolosa ed efficiente di quanto Lillard e McCollum già non facciano.

Se si dovesse quindi materializzare un buon gioco da fuori area, accoppiato alle buone doti da passatore ed alla grande abilità di andare a rimbalzo, Nurkic potrebbe fornire quel contributo sufficiente ad effettuare il salto di qualità.

Il mio ruolo, da giocatore, è quello di ascoltare ed eseguire gli ordini dell’allenatore“, ha esordito così l’ex Denver Nuggets. “Ritornerò a giocare principalmente come centro, ma, se coach Stotts mi chiederà di condividere alcuni minuti in campo con Hassan Whiteside, allora adatterò assolutamente il mio gioco in modo da poter giocare come ala grande. Credo di aver sempre avuto il tocco e la tecnica giusta per mandare a bersaglio il tiro da fuori area, mi serve solo un po’ di continuità. Stando in panchina per tutti questi mesi, ho imparato a conoscere diversi aspetti del nostro gioco, ed ho compreso che migliorare in questo modo il mio gioco aiuterà sicuramente la squadra“.

Questa la principale dichiarazione di Nurkic in merito alla ripresa della stagione. Egli aveva concluso l’anno 2018\19 con una media di 15.6 punti, 10.4 rimbalzi, 3.2 assist, ed 1.4 stoppate.

Blazers, coach Stotts: “Il rientro in squadra di Jusuf Nurkic ci aiuterà molto offensivamente”

Terry Stotts, con alle spalle otto stagioni alla guida dei Trail Blazers ed un record totale di 354 vittorie e 286 sconfitte, non ha dubbi sul fatto che il rientro in squadra di Nurkic aiuterà la squadra a macinare punti:”Jusuf ha una bella meccanica di tiro, ed è capace di fare canestro anche dalla media distanza o da tre punti. Gli ho sempre consigliato di non esitare a tirare da fuori area, nonostante il suo meglio venga all’interno del pitturato. Credo che il suo tirò si evolverà nei prossimi anni. Inoltre, le sue doti da passatore ci aiuteranno molto nella fase offensiva, specialmente sul pick’n roll tra lui stesso e Damian Lillard“.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi