fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Bradley Beal senza John Wall si identifica con Michael Jordan: “E’ dura”

Bradley Beal senza John Wall si identifica con Michael Jordan: “E’ dura”

di Michele Gibin

Bradley Beal, la star degli Washington Wizards sempre al centro di voci di mercato, sente di potersi relazionare alla figura di Michael Jordan in The Last Dance, soprattutto nei frangenti in cui MJ si è ritrovato a “tirare la carretta” da solo, per gli infortuni dei compagni.

Il sodale e compagno di reparto di Beal agli Wizards, l’All-Star John Wall, è ai box da oltre 12 mesi per un doppio grave infortunio e farà ritorno in campo solo al via della stagione 2020\21. Senza Wall, gli Wizards sono stati trainati da un Bradley Beal che si è scoperto leader e giocatore completo.

A pensarci fa sorridere” spiega Beal ospite di All The Smoke, podcast curato dai due ex giocatori NBA Matt Barnes e Stephen JacksonGuardavo la serie e pensavo: a volte mi sento come Jordan. Per lui, non avere Scottie Pippen e come per me non avere John Wall, è dura, significa che ogni sera devi dare tutto quello che hai. All’epoca di Jordan poi si giocava un altro basket, e guardando non puoi che ammirare ed avere il massimo rispetto per lui, vedendo da dove fosse partito e dove è poi arrivato“.

Nei primi episodi della serie evento di ESPN The Last Dance, all’inizio della stagione 1997\98 Scottie Pippen è lontano dalla squadra per un infortunio al piede ed in rotta con i vertici per la sua situazione contrattuale. Un’assenza pesante, che lascia Michael Jordan unico leader in campo di una squadra logora e avanti con l’età. Un parallelismo, rappresentato negli episodi, con la situazione che il giovane MJ aveva trovato 14 anni prima al suo esordio nella NBA, con dei Chicago Bulls in fondo alla classifica e con poco talento.

Bradley Beal ha viaggiato in stagione ad oltre 30 punti e 6 assist di media a partita, mai i modesti Wizards hanno faticato a restare in scia dell’ottavo posto valido per i playoffs nella Eastern Conference.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi