fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Chris Paul, errore contro Portland: “Gli arbitri mi hanno beccato. Ripicca? Voi che pensate?”

Chris Paul, errore contro Portland: “Gli arbitri mi hanno beccato. Ripicca? Voi che pensate?”

di Simone Massari

Dopo l’episodio che ha coinvolto Chris Paul e Jordan Bell durante il rocambolesco finale tra Oklahoma City Thunder e Minnesota Timberwolves (l’entrata in campo del giocatore di Minnesota con la maglia fuori dai pantaloncini fatta notare dalla point guard ex Clippers n.d.r), contro Portland è stato proprio CP3 a commettere un errore simile.

L’ex giocatore dei Rockets è stato punito con un delay of game per non essersi tolto la sovramaglia e pantaloni di riscaldamento prima di rientrare in campo. Non è stata l’unica sanzione rivolta a OKC. Il secondo delay of game è arrivato a 2:31 dal termine del primo tempo, questo rivolto alla panchina dei Thunder per lo stesso motivo.

Chris Paul dimostra ancora una volta di avere un rapporto non idilliaco con gli arbitri. Per quanto gli riguarda, queste punizioni nei suoi confronti sono dovute a una sorta di ripicca per la “spia” fatta durante il match scorso.

Erano entrambi contro di me no? E’ stato bravo. Mi ha beccato. Mi ha beccato in pieno. Se l’hanno fatto per ripicca?Voi che ne pensate? (Forte) mi ha beccato, ma ho imparato qualcosa di nuovo. Non si può avere la sovramaglia e i pantaloni quando stai per entrare in campo. Mi han detto che se ne avessi avuto solo uno, sarebbe andato bene. Si impara sempre qualcosa di nuovo. Ma abbiamo vinto quindi mi sta bene. Un problema con Forte? Lasciamo stare, risparmio i soldi: ho già preso troppe multe lo scorso anno

Il commento di Billy Donovan sull’errore di Chris Paul

L’errore di Chris Paul contro i Portland Trail Blazers è stato commentato anche dal coach di OKC. Billy Donovan si è detto molto sorpreso dalla decisione, anche se ha accettato di buon grado il giudizio degli arbitri. “Non so perché ci è stato fischiato il primo “delay of game”, mentre sul secondo mi hanno detto che avevano su la sovramaglia, ma non ho visto bene. Ovviamente quando è successo ho pensato che stessero facendo un po’ i puntigliosi, ma stavano seguendo le regole. Mi ha ricordato l’ultima partita. Ma se quella è la regola e noi non la rispettiamo”.

Nonostante i due delay of game fischiati dagli arbitri, i Thunder si sono imposti abbastanza agilmente sui Blazers. Tre giocatori con almeno 20 punti: Chris Paul, Gilgeous-Alexander con 21 e 9 rimbalzi e il tedesco Dennis Schröder anch’esso con 21 punti.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi