fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Coach Gentry e la condizione di Zion: “Troppe preoccupazioni, ha 19 anni!”

Coach Gentry e la condizione di Zion: “Troppe preoccupazioni, ha 19 anni!”

di Lorenzo Brancati

Nella sconfitta dei suoi New Orleans Pelicans contro i Dallas Mavericks, Zion Williamson ha giocato la sua prima gara back-to-back in stagione, destando curiosità riguardo la sua condizione. Il giocatore valso la prima scelta all’ultimo Draft ha giocato inoltre ben 35 minuti, massimo in carriera.

A proposito si è espresso Coach Alvin Gentry, senza usare mezzi termini: “Credo stia bene. Ci preoccupiamo di lui veramente troppo, OK? Sta bene. Ha 19 anni. Starà bene.”

Nonostante le affermazioni decise del suo allenatore, Zion ha ammesso come gli ci sia voluto un po’ più del solito per entrare in partita“E’ stato uno di quei momenti in cui Lonzo (Ball, ndr) e Jrue (Holiday, ndr) sono venuti da me per chiedermi ‘Sei pronto a giocare?’, perché se mi avete visto nel secondo quarto avrete notato che mi sono girato verso di loro e detto ‘Ci sono, sono sveglio’.”

Inoltre, i Pelicans sono stati parsimoniosi nello schierarlo durante il supplementare. Zion non è sceso in campo, infatti, fino a quando non mancavano 1 minuto e 44 secondi alla fine. Ora, dopo la prima volta in due gare consecutive, il giovane avrà un giorno intero di riposo.

Comunque, nonostante le fatiche fisiche, ha chiuso l’incontro con 21 punti e segnando 4 tiri su 5 tentati tra quarto periodo e overtime. Non è bastato tuttavia ad arginare i Mavericks, che nel complesso l’hanno fermato a 9 su 18 dal campo. A tenerlo in marcatura per lunghissimi tratti è stato il lungo Max Kleber, con Kristaps Porzingis pronto a difendere il ferro.

I due hanno fatto registrare 10 stoppate totali, delle quali 3 ai danni proprio di Zion. Il giocatore dei Pelicans ha segnato inoltre 3 su 5 tiri liberi guadagnati, che però secondo Coach Gentry sarebbero potuti essere di più“Quando attacchi con decisione il ferro così tante volte, prima o poi ci saranno alcuni falli. Riguarderemo il tutto, per ora questo è tutto quello che dirò.”

Infine, del giovane numero 1 di New Orleans ha parlato bene anche Coach Rick Carlisle“Credo che Kleber abbia fatto un buon lavoro, per quanto possibile, nel mantenere terreno e nel rendergli la vita difficile.” ha continuato “Stiamo parlando di un ragazzo con una forza, un’esplosività incredibili. E’ un grande, grande giocatore in crescita. Loro fanno tutto bene nel dargli la palla e nel servirsi della sua velocità in transizione.”

Insomma, anche nelle parole degli avversari la crescita di Zion continua. Mentre prende fiducia con i ritmi NBA e prova a condurre i suoi ad una apparizione playoffs, fino a poco tempo fa insperata .

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi