fbpx
Home NBANBA News Emergenza Coronavirus, i giocatori USA della CBA “in un limbo”

Emergenza Coronavirus, i giocatori USA della CBA “in un limbo”

di Michele Gibin

Con la Cina e la Chinese Basketball Association “chiuse” per l’emergenza coronavirus covid-19, alcuni giocatori USA oggi sotto contratto con le squadre della CBA lamentano la poca comunicazione con i vertici della lega cinese ed i mancati pagamenti degli ultimi stipendi.

E’ il caso ad esempio di Chasson Randle, ex giocatore degli Washington Wizards e oggi ai Tianjin Gold Lions, e che lo scorso 26 gennaio ha fatto ritorno negli Stati Uniti senza certezze sul resto della sua stagione. Randle non è ancora riuscito ad avere informazioni chiare sul suo status contrattuale, con la CBA che ha chiuso i battenti e senza dunque la possibilità di ottenere dalla FIBA l’autorizzazione ad accettare altre offerte: “Il mio assistito ha ricevuto offerte di contratti da 19 giorni con alcune squadre NBA, ma non li può firmare. In più, il suo club ha bloccato gli stipendi, e non si sa quando riprenderanno“, così a Jonathan Givony di ESPN l’agente di Randle, Darrell Comer di YouFirst Sports.

Chasson Randle è solo uno dei giocatori USA “espatriati” nella ricca CBA, diventata negli ultimi anni un’occasione di rilancio e vetrina per tani atleti usciti dal circolo NBA. Anche giocatori del calibro di Lance Stephenson e Jeremy Lin hanno concluso di recente e con successo l’esperienza cinese.

L’epidemia da coronavirus nata Wuhan, provincia di Hubei, nel dicembre 2019 ha bloccato parte dei traffici e spostamenti quotidiani da e verso la Cina, con i primi casi confermati ormai un po’ ovunque anche in Europa, dopo Corea del Sud e Iran. Nessuna squadra della CBA ha sede a Wuhan.

La CBA è oggi in pausa anche per le festività del capodanno cinese di gennaio, che si esauriranno in questi giorni, con i giocatori ancora sotto contratto che dovranno fare ritorno in Cina. Le squadre avrebbero però in maniera ufficiosa comunicato ai loro atleti che la lega potrebbe restare ferma almeno fino ad aprile, con l’effetto collaterale di lasciare “in un limbo” i giocatori americani.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi