Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsGolden State Warriors Draymond Green e gli Warriors battono anche i Jazz: “Stiamo tornando”

Draymond Green e gli Warriors battono anche i Jazz: “Stiamo tornando”

di Ercole Guidone
warriors jazz

I Golden State Warriors hanno forse ottenuto la svolta in questa stagione e, in gran parte, lo devono alla personalit√† di Draymond Green. L’inizio di campionato dei campioni in carica √® stato pressocch√© disastroso, non riuscivano a trovare la quadra. Da quando, per√≤, Green ha preso il controllo della squadra, qualcosa √® cambiato. √ą scoccata la scintilla.

Nella notte √® arrivata anche la vittoria per 129-118 contro gli Utah Jazz, gli Warriors sono tornati a pareggiare il loro record tra vittorie e sconfitte (10-10) dal 30 ottobre scorso. Cos’√® cambiato? La mentalit√† ed il modo di giocare. Proprio come dice Draymond Green: “Abbiamo iniziato a capire come si gioca. Non voglio dire che siamo arrivati gi√† al punto finale, ma sicuramente siamo arrivati ad un punto in cui vinceremo tante partite. Stiamo iniziando a giocare il nostro basket, e si pu√≤ ben vedere che quando lo facciamo, vinciamo. Stiamo iniziando a coinvolgere i ragazzi cos√¨ da poter vincere ad alti livelli.”

Come sappiamo, Draymond Green √® stata al centro delle polemiche all’inizio di stagione a causa del pugno rifilato a Jordan Poole. Molti ritenevano che la causa di una partenza lenta degli Warriors era proprio da attribuire alla mancata serenit√† nello spogliatoio, a causa di Green. Il giocatore, per√≤, ha dimostrato e sta dimostrando di essere in gran parte l’anima di questa squadra. Sia da un punto di vista tecnico, e sia soprattutto da un punto di vista mentale. E, lo stesso Steve Kerr lo elogia dicendo: “Draymond ha tutto a che fare con il successo del nostro team. √ą cos√¨ bravo nel gioco.”

L’orso ballerino ha chiuso la gara contro i Jazz con 13 punti, 3 rimbalzi e 5 assist, con anche 2 stoppate e un recupero. Sta tirando con il 58.4% dal campo, ha il miglior punteggio difensivo della squadra ed √® secondo per assist, dietro solo a Stephen Curry. Come sappiamo, i numeri non sono mai stati il forte di Green nel corso della sua carriera, √® ci√≤ che trasmette alla squadra che fa la differenza. Ma, se alla mentalit√†, ci aggiungiamo che sta viaggiando quasi ai massimi in carriera, allora i tifosi Warriors possono finalmente iniziare a dormire sonni sereni in questa stagione.

Warriors-Draymond Green: coppia vincente

L’importanza del ruolo di Draymond Green nella squadra √® agli occhi di tutti, soprattutto di chi ha condiviso con lui grandi vittorie e grandi sconfitte, Stephen Curry. L’MVP delle scorse Finals ha chiuso la sua dodicesima gara in stagione da 30+ punti. Contro Utah il suo tabellino dice 33 punti, 5 rimbalzi e 4 assist.

Del suo compagno di squadra, parla cos√¨: “Draymond √® fantastico. Il suo corpo ha un bell’aspetto. Sta volando su e gi√Ļ per il campo. Offensivamente √® molto pi√Ļ aggressivo. Finisce al ferro, spara quando ha tiri aperti. Sta cercando di fare la giocata giusta. Per essere una presenza difensiva come lui e continuare a spingere in quel modo, √® incredibile. Nessuno pu√≤ farlo come lui.”

Oltre a Curry e Green, poi, c’√® da ricordare anche Klay Thompson, in netta fase di crescita. Nella notte ha chiuso la gara con 20 punti, 6 rimbalzi e 1 assist, tirando con 6 su 12 da tre punti. Il suo miglior rendimento √® dovuto molto anche a Draymond Green, grazie ad una conversazione che hanno avuto i due qualche giorno fa. A conferma, dunque, se mai ci fosse stato bisogno, dell’importanza dell’orso ballerino all’interno del sistema Warriors.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Golden State Warriors (@warriors)

You may also like

Lascia un commento