Hornets, Kemba Walker da MVP: "Lavoro come un pazzo sul mio gioco"
125271
post-template-default,single,single-post,postid-125271,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Hornets, Kemba Walker da MVP: “Lavoro come un pazzo sul mio gioco”

Hornets, Kemba Walker da MVP: “Lavoro come un pazzo sul mio gioco”

Kemba Walker: “Charlotte è la mia città!”.

103 punti in due partite. Secondo il pollo di Trilussa fanno 51.5 di media, in realtà sono 60 nella prima e “solo” 43 nella seconda. In faccia a mister Kyrie Irving, per di più.

Walker sarà free agent in estate, uno dei pezzi più pregiati della classe del 2019, dopo Kevin Durant, Klay Thompson, Kawhi Leonard, ed assieme a Khris Middleton e – in caso di catastrofe in Pennslylvania – Jimmy Butler.

La missione di Kemba è però rimasta la stessa di quando calcò per la prima volta il parquet dell’oggi Spectrum Center di Charlotte, North Carolina: fare degli Hornets (oggi, una volta si chiamavano Bobcats…) una squadra di alto livello NBA.

View this post on Instagram

Prendi Philadelphia e Charlotte, due squadre divertenti da vedere e spettacolari. Mettici una partita tiratissima, decisa da una stoppata e da un buzzer-beater a 0.3 secondi dalla fine dell'OT di Jimmy Butler. Senza se e senza ma, realizzi di aver visto la più bella partita di questo primo stralcio di stagione regolare. Ma poi, a mente fredda, riflettendoci realizzi anche di aver appena assistito ad una delle prestazioni più incredibili degli ultimi 5 anni. Kemba Walker diventa il secondo giocatore di 1,85 m o meno, dopo Allen Iverson, a realizzare 60 punti in una partita nella storia NBA. Il tabellino a fine gara recita questo: – 60 punti – 7 rimbalzi – 4 assist – 4 recuperi – 21/34 dal campo Career-high, new franchise record e top 30 prestazioni di sempre nella storia della Lega, eppure indovinate quali sono state le sue prime parole subito dopo la sirena? "Tutto bellissimo, ma è mancata la cosa più importante: la vittoria" Parole da vero campione. Chapeau Kemba. ° ° #nbapassion #nba2k19 #NBApassionapp #NBA #basketball #kembawalker #charlotte #hornets #philadelphia #76ers #alleniverson #nbahistory

A post shared by NBA Passion (@nbapassion_com) on

A ridosso della trade deadline dello scorso febbraio, con la squadra in difficoltà ed indietro nella lotta per un posto ai playoffs della Eastern Conference, il timore di Charlotte di perdere l’ex UConn per nulla durant la free agency fu tale da scomodare Michael Jordan.

MJ rivelò che gli Hornets “avrebbero ascoltato eventuali offerte” per Kemba Walker, senza ovviamente accettare di svendere il proprio All-Star.

In estate, Walker ha confermato la sua volontà di rimanere un Hornet-for-life, nonostante il riportato forte interesse di Brooklyn Nets e New York Knicks per il giocatore, nativo proprio di New York.

E la stessa forza di volontà sta trascinando degli Charlotte Hornets incompleti e gravati da contratti pesantissimi verso l’agognato posto ai playoffs. Dopo 16 partite, Charlotte è 8-8, una vittoria in meno dei Boston Celtics.

Kemba Walker: “Lavoro ogni giorno sul mio gioco, Parker fondamentale”

43 punti, di cui 21 nel solo quarto periodo, 14 su 25 dal campo e 7 su 13 da tre punti, 4 rimbalzi e 5 assist e +17 di plus\minus per abbattere i Boston Celtics. Si dice che dopo la partita abbia addirittura spento le luci e chiuso tutto lui allo Spectrum, tanto fondamentale per gli Hornets è diventato questo Kemba Walker.

Nel post gara, Kemba ha parlato del duro lavoro quotidiano (su Youtube sono tanti i video dei suoi workout) dietro a prestazioni di tale livello, e rinnovato la fiducia nei suoi compagni di squadra:

103 punti in due partite? Non lo so… sto solo giocando a basket… la fede in Dio mi è di grande aiuto, lavoro duro ogni giorno sul mio gioco, i tiri che segno in partita sono frutto del grande lavoro quotidiano, faccio in modo di farmi trovare pronto per partite e per occasioni del genere. I tiri vanno dentro, ora (ride,ndr). La vittoria di oggi è super-importante (…) coach Borrego ci dice sempre di restare positivi e concentrati, che al momento giusto saprete salire di livello. Oggi è stato così, abbiamo lottato per tutta la partita e meritato la vittoria. Parker e Lamb? Ho bisogno dei miei compagni, le difese cercano di torgliermi il mio gioco e loro devono saper approfittarne. Io ho una grandissima fiducia in loro, so che possono essere decisivi, e voglio che lo sappiano. Tony Parker è entrato nel finale ed ha segnato due tiri fondamentali… cosa volere di più?

Kemba Walker ha poi confermato il proprio amore e la propria fedeltà a Charlotte ed agli Hornets, come riportato da Rick Bonnell del Charlotte Observer: “Credo che lo sappiano, l’ho già detto altre volte. Il mio modo di stare in campo, come dò tutto in campo per la squadra e per la città, sono la dimostrazione del mio attaccamento“.

Walker, 29 anni, sarà eleggibile in estate per un’estensione contrattuale con Charlotte del valore di 5 anni e 189 milioni di dollari complessivi.

A fine partita contro Boston, il pubblico dello Spectrum Center di Charlotte ha tributato al proprio eroe un inequivocabile coro: MVP, MVP.

Questa è la mia città! E’ una promessa!” La promessa è sempre quella, fare degli Hornets una squadra di alto livello NBA

 

Seguiteci e dite la vostra su Facebook sul gruppo Passion NBA o su NBA Area, ma anche su Instagram su NBAPassion e sulla nostra pagina Facebook

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment