Warriors, Kerr sprona Klay Thompson: "E' in crisi, sicuro che saprà uscirne"
127713
post-template-default,single,single-post,postid-127713,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Warriors, Klay Thompson è in crisi? Steve Kerr: “Saprà uscirne, ed è mio compito aiutarlo”

futuro Durant-Thompson

Warriors, Klay Thompson è in crisi? Steve Kerr: “Saprà uscirne, ed è mio compito aiutarlo”

Le difficoltà al tiro del Klay Thompson 2018\19 non preoccupano l’head coach dei Golden State Warriors Steve Kerr.

La disfatta di Natale contro i Los Angeles Lakers è stata per Thompson solo l’ultima di tante modeste esibizioni di tiro recenti per il prodotto di Washington State, un tiratore da quasi 42% da dietro l’arco in carriera. Alla Oracle Arena di Oakland, Klay Thompson ha chiuso la sua gara con soli 5 punti (2 su 7 al tiro) in 33 minuti di gioco.

Dopo 35 partite di regular season, Thompson viaggia col 33.7% da tre punti, peggior percentuale in carriera.

Le difficoltà stagionali di Thompson sono evidenziate da un dato statistico eloquente, riportato da Nick Friedell di ESPN: 39% dalla distanza in situazioni “uncontested”, di tiro piazzato. A fronte di una percentuale pari al 52% la scorsa stagione, nella stessa situazione.

Gli equilibri fisici per un tiratore possono essere tanto affinati quanto fragili. In mancanza di problemi fisici evidenti, è convinzione di coach Steve Kerr che le difficoltà di Thompson siano solo temporanee:

Credo che saprà uscirne quanto prima. Anzi, so che lo farà. La pallacanestro, come la vita, è imprevedibile. Accadono delle cose, e bisogna trovare il modo di uscire dalla palude in cui capita di ritrovarsi. Il lavoro mio e del mio staff consiste nell’aiutare la squadra ad uscire dalla palude in cui siamo capitati ora, giocatore dopo giocatore. Non ho alcun dubbio sul fatto che Klay (Thompson, ndr) ritroverà presto ritmo, ma oggi si trova in difficoltà, non c’è motivo di nasconderlo. Saprà uscirne alla grande

– Steve Kerr su Klay Thompson –

 

 

Coach Kerr ha più volte evidenziato in stagione la scarsa qualità di esecuzione offensiva della sua squadra.

Una panchina debole, particolarmente improduttiva (gli Warriors sono 28esimi per “bench points” a partita e 30esimi per tiri tentati, nonché 17esimi per minuti di media giocati) e danneggiata da alcuni infortuni (Damian Jones) – prezzo da pagare per potersi permettere 5 All-Star in squadra – e le primavere che cominciano a pesare su Andre Iguodala e Shaun Livingston hanno in questa prima metà di stagione scaricato l’intero peso dell’attacco Warriors sul “big-three” Curry-Durant-Thompson.

Draymond Green sta vivendo una stagione offensiva da incubo. L’ex Michigan State – rallentato da un problema al piede destro – sta viaggiando col 22% da dietro l’arco su base stagionale, non facendo meglio del 33% complessivo dal suo ritorno in campo dopo le 11 partite saltate per infortunio.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment