Home NBA, National Basketball AssociationLeBron James LeBron James ha ancora fame: “Sono automotivato, non ho bisogno di altro”

LeBron James ha ancora fame: “Sono automotivato, non ho bisogno di altro”

di Mario Alberto Vasaturo
lebron embiid

Quando si parla di LeBron James é difficile non risultare ripetitivi nel dire quanto bene possa fare nonostante il passare degli anni e dell’età, ma ormai non ci sorprende più. Soprattutto per ciò che dice e per la fame che fa ancora vedere in campo, non è infatti uno scandalo aspettarsi ancora grandi cose dal nativo di Akron.

James sta per entrare nel 21° anno della sua carriera e la sua energia è palpabile, per quello che sarebbe il suo quinto anello , per il 18° titolo della storia dei Lakers e per superare i rivali Celtics. 

È solo la mia motivazione a essere il più grande possibile e continuare a fare ciò che ho sempre voluto fare nella mia carriera, vedere il Larry O’Brien trophy nella mia testa ogni giorno“, ha detto LeBron.

Ma la fonte della sua motivazione, dopo 21 anni ormai, non sono gli avversari, nè tantomeno ciò che gli avversari dicono di lui: 

 “Non sono più motivato dagli avversari. Non ne ho bisogno. Non voglio dire che non sono motivato a giocare, perché sono motivato sempre a competere, amo competere contro i migliori. Ma non ho bisogno di un individuo o di una squadra che mi motivi. Sono automotivato. Sono abbastanza.”

Questo perché non gli interessano tutte le critiche che ancora gli fanno, gli sfottò o il trash talking dei giocatori, infatti per arrivare al 21° anno ancora affamato, servono motivazioni diverse e più profonde, come giocare per il figlio Bronny, che questa estate ha sofferto di un arresto cardiaco, che lo ha portato ad operarsi, sperando possa tornare presto in campo.

Ovviamente dedicherò questa stagione a mio figlio e all’incidente che è successo questa estate”, ha detto al riguardo. 

I Lakers apriranno la stagione nella notte tra martedì e mercoledì proprio da dove avevano finito la scorsa: i Denver Nuggets. A maggio scorso LeBron e compagni avevano dovuto arrendersi in Finale di Conference di fronte alla strapotenza di Jokic, che ha portato Denver a vincere la serie 4-0, accedendo così alle prime NBA Finals della storia della franchigia. 

Ma LeBron è entusiasta della squadra costruita quest’anno, essendo anch’essa fonte di importante stimolo e motivazione durante allenamenti e partite: “Anche questa squadra mi ha motivato. Venire ad allenarsi ogni giorno, vedere i ragazzi lavorare così, sfidarsi a vicenda, cercare di migliorare ogni giorno. Anche questo è stato motivante

LeBron James ci ha fatto quindi capire, ancora una volta, come riesca a trovare stimoli, nonostante non abbia più nulla da dimostrare, perciò non c’è da stupirsi se, anche quest’anno, decidesse di dominare le partite, a quasi 39 anni di età. 

You may also like

Lascia un commento