fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsLos Angeles Lakers I proprietari dei Lakers chiedono ai top manager una riduzione di stipendio

I proprietari dei Lakers chiedono ai top manager una riduzione di stipendio

di Michele Gibin

I proprietari dei Los Angeles Lakers chiedono ai maggiori dirigenti una riduzione dello stipendio, per impattare i danni derivati dai mancati introiti a stagione sospesa, e per scongiurare tagli al personale in settori considerati meno strategici. Il gruppo Buss, proprietario della squadra, ha chiesto ai top manager una decurtazione del 20% del salario, da applicare su base volontaria.

I Lakers sono una delle prime franchigie NBA a ricorrere a tale strumento, dopo i Philadelphia 76ers che avevano chiesto ai dirigenti un sacrificio economico per ridurre le perdite. Il general manager Elton Brand era stato tra i primi ad aderire, in un caso che aveva scatenato una piccola diatriba interna tra il gruppo proprietario della squadra – che aveva annunciato dei tagli “orizzontali” ad una intera categoria di lavoratori – ed il proprietario di minoranza Michael Rubin che si era duramente opposto.

I Lakers sono stati nel 2019 secondo Forbes la seconda squadra NBA più ricca, con un valore di oltre 4.4 miliardi dollari e secondi solo ai New York Knicks di James Dolan. La famiglia Buss è proprietaria al 66% della squadra, le cui quote di minoranza sono detenute da AEG e dal fondatore di NantWorks Patrick Soon-Shiong.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi