Manu Ginobili: "Dopo il ritiro resterò vicino al progetto Spurs"
120451
post-template-default,single,single-post,postid-120451,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Manu Ginobili: “Dopo il ritiro resterò vicino al progetto Spurs”

Manu Ginobili: “Dopo il ritiro resterò vicino al progetto Spurs”

Manu Ginobili resterà al fianco della sua squadra. Dopo aver annunciato il ritiro dal basket giocato, il ‘Genio de Bahia Blanca‘ ha deciso di restare a contatto con il roster texano.

Manu Ginobili: “Ho sentito il peso degli ultimi due infortuni subiti nella scorsa stagione”

Amato, criticato, sottovalutato, umile e vincente. Questi aggettivi sintetizzano al meglio 23 anni di pallacanestro giocata messa in mostra da Emmanuel David Ginobili. Il ‘Genio de Bahia Blanca‘, dopo aver annunciato il ritiro dal basket giocato, ha deciso di spiegare le motivazioni del suo ritiro con una lettera aperta ai fan.

Manu Ginobili, in queste ultime settimane, ha confessato di essere rimasto in silenzio, parlando soltanto con il suo padre cestistico Gregg Popovich, poco prima della sua vacanza in famiglia in Canada.

Nella giornata di ieri il fuoriclasse argentino ha deciso di rispondere ai tanti messaggi di stima e affetto ricevuti da colleghi avversari e non solo, ma anche dai tanti suoi tifosi sparsi in tutto il mondo.

Ecco un estratto della lettera aperta scritta da Ginobili e pubblicata sul massimo quotidiano argentino ‘La Nacion‘:

“Dopo che ho deciso di parlare del mio possibile ritiro con coach Popovich, ho pensato di annunciare il mio ritiro in maniera pubblica.Mi sono sentito decisamente meglio, ma il tempo aveva presentato ufficialmente il conto. Ho deciso di abbandonare il basket giocato dopo aver visto che i giovani ragazzi del roster degli Spurs ci davano dentro con gli allenamenti. Io, invece, non riuscivo a spingere come un tempo, complice anche il doppio stop fisico subito nella passata stagione. Dopo il ritiro ho deciso di restare qui a San Antonio. I miei figli cominceranno la scuola tra poco e in questa città ho costruito una connessione pazzesca. resterò a disposizione del progetto Spurs, della squadra e di tutto lo staff che per me ormai rappresentano la casa da ben 16 lunghi anni”.

 

LEGGI ANCHE:

J.J. Redick: “Clippers? Abbiamo fallito perché ci incolpavamo a vicenda”

From The Corner #25: Ma quanto era forte Derrick Rose?

Celtics-Irving: Boston in pole per tenere Kyrie secondo Woj

Pondexter-Spurs: ufficiale l’accordo annuale

Draymond Green su James: “Dovrebbe dire al mondo di essere il migliore”

 

Luca Castellano
lucacastellano7@gmail.com

Amante del basket dall'età di 8 anni e amante dell'NBA a 360 gradi. Aspirante giornalista/ telecronista di pallacanestro, con lo scopo di divulgare la sua passione alla portata di tutti.

No Comments

Post A Comment