fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsDallas Mavericks Mavs-76ers, Phila ancora KO e Embiid si arrabbia: “Sembriamo spaventati”

Mavs-76ers, Phila ancora KO e Embiid si arrabbia: “Sembriamo spaventati”

di Michele Gibin

Non si fa a tempo a tessere le lodi dei Philadelphia 76ers, che subito questi incappano in una serie negativa che li riporta indietro di alcune caselle.

I Dallas Mavericks ancora privi di Luka Doncic, ma squadra con un piano, regolano con facilità i Sixers al Wells Fargo Center di Philadelphia, che cade per la seconda volta consecutiva dopo la vittoria dei Miami Heat di 48 ore prima. 117-98 il risultato finale tra Mavs e76ers, con Kristaps Porzingis e Tim Hardaway Jr sugli scudi per coach Rick Carlisle.

Il lettone chiude con 22 punti e ben 18 rimbalzi (10 su 19 al tiro), e dà vita ad un duello ad alta quota con Joel Embiid che di punti ne segna 33, con 17 rimbalzi e 12 su 24 al tiro in 33 minuti. Hardaway Jr veste i panni di Luka Doncic e chiude con 27 punti, e 7 su 11 al tiro dalla lunga distanza.

View this post on Instagram

‼️La vittima della notte NBA è Philadelphia, annientata in casa da dei Dallas Mavericks estremamente concreti e incisivi, seppur privi della loro stella Luka Doncic. Nella città dell'Amore Fraterno, sino a stanotte violata solo una volta in stagione dai Miami Heat, i Mavericks passano 117-98, grazie alle super prove di Porzingis (22 punti e 18 rimbalzi) e Tim Hardaway Jr. (27 punti), ma anche con un notevole contributo realizzativo di tutto il gruppo, con ben 6 giocatori in doppia cifra. Nella Lega più pazza del mondo, mai quest'anno è netta la sensazione di come non ci sia un vero ed unico padrone incontrastato (anche se i Bucks sono candidati molto forti): tante realtà vogliono dire la loro, e sicuramente in Texas non sono da meno! Serve ancora qualcosa per fare il grande salto? Quale tassello aggiungereste? ° ° ° ° #nbapassion #dallasmavericks #kristapsporzingis #timhardawayjr #nba #nbaseason

A post shared by NBA Passion (@nbapassion_com) on

Esattamente come gli Heat due giorni prima, i Mavericks propongono ai Sixers ampi minuti di difesa a zona, scommettendo sulle percentuali al tiro da fuori dei padroni di casa. E i 76ers deludono ancora una volta: Tobias Harris, Josh Richardson, Furkan Korkmaz e James Ennis III non riescono ad “aprire la scatola” per coach Brett Brown, Philadelphia chiude con 10 su 34 al tiro da tre punti (42% complessivo dal campo), Harris, Richardson e Ennis non fanno meglio di un modesto 3 su 14 dalla lunga distanza.

Duro con i suoi Joel Embiid a fine gara: “Abbiamo giocato come se fossimo spaventati. La pallacanestro è un gioco semplice: o tiri, o la passi, ti muovi. Se non hai un buon tiro, la passi. Stasera non abbiamo mai fatto canestro, e non abbiamo neppure difeso“.

I Mavs hanno proposto ai 76ers ben 35 possessi di difesa a zona, come riportato da ESPN: “L’ultima volta che ho giocato così tanta zona? In Europa“, è la risposta di Kristaps Porzingis, con un passato nel Real Madrid ed in Spagna.

I difetti dell’attacco Sixers, già visti contro Miami, si sono dunque confermati contro i Dallas Mavericks: campanello d’allarme e precedente pericoloso per coach Brett Brown, che dovrà preparare i suoi ad affrontare al meglio la difesa a zona che tante altre avversarie proveranno a mettere in campo: “Credo che le difficoltà offensive abbiano influenzato anche la nostra difesa, ultimamente. Non siamo così, non è la nostra squadra questa, ma oggi il nostro spirito competitivo si è un poco ammaccato a causa della fatica con cui facciamo canestro in attacco“.

Sono un po’ sorpreso, a dire il vero. Fino a sei giorni fa sembrava tutto tranquillo, ma nelle ultime tre partite abbiano girato davvero a vuoto, non abbiamo giocato con l’ardore agonistico necessario

I Philadelphia 76ers di coach Brown hanno perso tre partite consecutive, di cui due in casa. 20-10 oggi il record dei Sixers, ma è la tendenza negativa a preoccupare: “Stasera abbiamo creato buoni tiri, bisogna tirare e basta” Così Al Horford, 9 punti e 2 rimbalzi in serata “Ma noi facciamo fatica a trovare un equilibrio tra l’essere aggressivi e l’essere egoisti in campo. Ma quando sei libero, devi tirare, fare accadere qualcosa“.

I Dallas Mavericks, dal canto loro, raccolgono la seconda vittoria esterna senza Luka Doncic, ancora KO dopo l’infortunio alla caviglia destra: “Sarebbe meglio averlo qui, ovviamente, ma finché rimarrà fuori, a noi non resta che affidarci con fiducia al nostro piano. Per vincere qui a Philadelphia bisogna lottare, ed i ragazzi lo hanno fatto oggi. La zona? Ha dato i suoi frutti” Così Rick Carlisle.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi