New York Knicks pronti a rinascere, Las Vegas quota il titolo 2020
138232
post-template-default,single,single-post,postid-138232,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

New York Knicks pronti a rinascere, Las Vegas quota il titolo 2020

new york knicks spike lee

New York Knicks pronti a rinascere, Las Vegas quota il titolo 2020

Era il lontano 2013 quando i New York Knickerbokers, meglio conosciuti come Knicks, chiudevano la stagione con un record positivo di 54 vittorie e 28 sconfitte.

L’ultima stagione in cui la squadra più ricca della NBA prendeva parte alla post season, ultima apparizione ai playoffs per una squadra che vantava nel proprio roster stelle del calibro di Carmelo Anthony e Amar’e Stoudemire, e che erano riusciti a mettere sotto contratto veterani di spessore come Jason Kidd e Tyson Chandler, campioni NBA nel glorioso 2011 dei Dallas Mavericks, e potevano schierare anche il miglior sesto uomo dell’anno J.R. Smith.

Nomi altisonanti al servizio di coach Mike Woodson, che però mai sono riusciti a trovare la chimica di squadra giusta per contrastare lo strapotere di LeBron James e dei suoi Miami Heat. Dopo 2 sconfitte al primo turno nei due anni precedenti, anche nel 2013 i Knicks dovettero abbandonare la corsa al titolo, un 4-2 che segnava una sconfitta netta per mano degli Indiana Pacers, capitanati dall’astro nascente Paul George.

E’ forse arrivato il tempo della rinascita per i New York Knicks?

Un’eliminazione cocente alla quale sono seguiti anni bui, molte sconfitte e poche vittorie: 163-329 il bilancio esatto negli ultimi 6 anni ed una squadra che per l’ennesima volta è il fanalino di coda della Eastern Conference, con sole 17  vittorie in stagione nel 2019.

Ma nella grande mela non si sono perse le speranze, e il sogno è ancora quello di ridare al Madison Square Garden una squadra per la quale valga la pena pagare il (salato) biglietto. L’ultimo posto in classifica di conference infatti ha dato alla squadra il 14% di probabilità di vincere la lotteria del draft e guadagnare così la possibilità di scegliere per primi, un gran lusso nel draft in cui si è reso eleggibile Zion Williamson, quotato come futuro Hall of Famer della lega.

Visto e considerato quindi che stiamo parlando di quote e probabilità, “The Westgate Las Vegas SuperBook” ha rilasciato come ogni anno le quote dei papabili vincitori del prossimo titolo NBA, classifica in cui i Knicks figurano al sesto posto. oltre alla possibilità di mettere sotto contratto il piccolo fenomeno di Duke Zion Williamson infatti, i Knicks, che sono la squadra con maggiori possibilità finanziare dell’intera lega, avranno la possibilità di poter mettere sotto contratto free agent del calibro di Kevin Durant e Kawhi Leonard in scadenza a fine stagione.

Possibilità che vige anche grazie allo spazio salariale di 75 milioni di dollari accumulato durante questi anni di copiose sconfitte. Ciò darà ai Knicks dunque la possibilità di mettere in piedi una squadra competitiva già a partire dalla prossima stagione.

Diverte non poco il gioco dei pronostici, che vede favoriti e saldamente al primo posto con una quota di 7-4 i Golden State Warriors, seguiti dai Milwaukee Bucks di Giannis Antetokounmpo dati 9-2 ma è pur sempre un gioco e quindi non ci resta che giocare. un pronostico è quasi certo, si prospetta un’estate molto calda in quel di New York, e per i Knicks questa off-season potrebbe essere una grandissima chance per tornare in vetta nel panorama NBA.

Gian Paolo Demuru
gianpaolo.demuru@gmail.com
No Comments

Post A Comment