Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsLos Angeles Clippers Paul George: “Sono un secondo violino, devo essere onesto”

Paul George: “Sono un secondo violino, devo essere onesto”

di Ercole Guidone
paul george

Paul George confessa di aver cambiato modo di giocare e mentalità per cercare di vincere un titolo NBA. Il giocatore, infatti, quando era agli Indiana Pacers era a tutti gli effetti il numero uno della squadra, ma a sua detta si è reso conto che così facendo non sarebbe mai riuscito a vincere un campionato.

Da quel momento, George cambiando squadra, ha giocato poi con Russell Westbrook agli Oklahoma City Thunder (ritrovato anche adesso a Los Angeles) e gioca tutt’ora con Kawhi Leonard.

“Dopo anni passati a Indiana, con infortuni e vedendo verso quale direzione andava il basket, mi sono detto ‘amico, da solo non riesci'”, dice Paul George ospite al¬†The Old Man and The Three¬†Podcast di JJ Redick “Dovevo essere onesto con me stesso. Affinch√© io riesca a vincere ai massimi livelli e arrivare dove voglio arrivare, non posso essere la prima opzione della squadra. Posso segnare tanto, posso avere sempre il controllo della partita, ma questo non mi porter√† a vincere il campionato da solo. Ad Indiana, mi sono sentito come se questo l’avessi imparato e sono maturato sotto questo aspetto.”

Proprio per tale motivo, Paul George durante l’ultima sessione di mercato, ha spinto molto per giocare con Russell Westbrook ai Los Angeles Clippers. Forse, anche per questo, la societ√† ha deciso di ingaggiare l’ormai ex Lakers. Questo va a confermare come George stia pensando davvero a vincere questo campionato, consapevole che pu√≤ farlo solo con una squadra intorno a lui.

I Los Angeles Clippers, al momento, sono al sesto posto della Western Conference, con 33 vittorie e 31 sconfitte. La loro stagione è stata condizionata dai tanti infortuni e, in questa fase finale, non sono concesse distrazioni vista come è corta la classifica a Ovest. Detto questo, con tutti i giocatori a pieno regime, i Clippers possono considerarsi davvero una squadra in piena lotta per il titolo finale.

You may also like

Lascia un commento