Pelicans-Cavs, NOLA e Davis riabbracciano Mirotic: "Mi siete mancati"
128738
post-template-default,single,single-post,postid-128738,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

I Pelicans ri-travolgono i Cavs e riabbracciano Nikola Mirotic: “Mi siete mancati, amo questa città”

I Pelicans ri-travolgono i Cavs e riabbracciano Nikola Mirotic: “Mi siete mancati, amo questa città”

Dopo la sonora sconfitta casalinga per mano dei New Orleans Pelicans (un 133-98 da record, a suo modo), il coach dei Cleveland Cavs Larry Drew aveva messo in discussione sforzo ed intensità agonistica dei suoi uomini, annunciando novità nelle rotazioni.

Dopo i Pelicans, una sconfitta onorevole ma pur sempre evidente, sempre a Cleveland, contro gli Indiana Pacers non aveva certo risollevato un gran che gli animi in casa Cavs, giunti alla decima sconfitta consecutiva ed attesi da una trasferta ad ovest, che li porterà a visitare Houston, Portland, Los Angeles (sponda Lakers), Utah e Denver.

La prima fermata del viaggio ad ovest era però la New Orleans di Mr Anthony Davis, quella del suddetto 133-98.

Allo Smoothie King Center di New Orleans, Pelicans-Cavs termina 140-124. I derelitti Cavaliers riescono a fare peggio di quanto ottenuto appena quattro giorni fa con i medesimi avversari, subendo 81 (!) punti nel secondo tempo, dopo aver iniziato la gara con un primo quarto da ben 38 punti segnati.

8 su 8 da tre punti per aprire la partita per i Cavs, giusto il tempo per Anthony Davis di scaldarsi e chiudere la gara con 36 punti, 13 rimbalzi, 7 assist e 4 stoppate.

I Pelicans recuperano lo svantaggio già nel secondo periodo (34-25) prima di aprire il gas e segnare rispettivamente 41 e 40 punti nei successivi due quarti.

Coach Gentry deve rinunciare ad E’Twaun Moore (quadricipite) ma riaccoglie a braccia aperte Nikola Mirotic. Il montenegrino con passaporto spagnolo fa il suo rientro in campo dopo 12 gare d’assenza, e chiude con 17 punti e 4 rimbalzi in 22 minuti di gioco. Per NOLA anche 19 punti in altrettanti minuti del secondo anno da Duke Frank Jackson.

Per Cleveland (8-34), assenti Larry Nance Jr, David Nwaba e Rodney Hood, ed esordio per Cameron Payne. Per l’ex OKC e Chicago Bulls, arrivato due giorni fa ai Cavs con un contratto decadale, 16 punti e 2 assist in 22 minuti d’impiego.

Pelicans-Cavs, Nikola Mirotic: “Mi sono mancati i miei compagni, bella vittoria”

 

Il ritorno di Nikola Mirotic sarà fondamentale per le fortune dei New Orleans Pelicans (20-22), a loro volta attesi da un giro di trasferte tra Minnesota, LA Clippers, Golden State, Portland e Memphis nelle prossime 5 gare.

Così il montenegrino-spagnolo a fine partita:

Tornare in campo con i miei compagni è stato bellissimo, mi sono mancati e mi è mancanto tantissimo il campo. Nel secondo tempo abbiamo profuso un grande sforzo, ed abbiamo giocato in modo semplice, distribuendo bene il pallone. Abbiamo tante armi in attacco, una buona vittoria. Nel primo tempo mi sono sentito un po’ a disagio, ma nel secondo le cose sono migliorate, i miei compagni mi hanno aiutato e dato tanta energia, sono tornato a divertirmi in campo. Un bel giorno, sono tornato, abbiamo vinto. Il pubblico? Ho apprezzato molto l’accolgienza, amo New Orleans e questo pubblico

– Nikola Mirotic dopo Pelicans-Cavs –

 

 

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment