Porzingis a Dallas: i Knicks non hanno aspettato altre offerte | Nba Passion
130711
post-template-default,single,single-post,postid-130711,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Porzingis a Dallas: i Knicks non hanno aspettato altre offerte

Porzingis a Dallas: i Knicks non hanno aspettato altre offerte

Porzingis a Dallas è stato sicuramente l’affare di mercato che ha maggiormente tenuto banco tra tutti gli appassionati di basket oltreoceano. Non solo per lo status di tutti i giocatori coinvolti, ma anche per la notevole rapidità con cui tale trade si è chiusa. E quest’ultimo aspetto, stando ai vari rumors, è stato una diretta conseguenza delle scelte del front office dei Knicks.

PORZINGIS A DALLAS: I RETROSCENA

Dunkest NBA 2018-2019

L’ormai ex giocatore dei Knicks in azione contro il suo futuro compagno di squadra, Harrison Barnes

Secondo Ian Begley di ESPN, infatti, numerose squadre erano interessate al numero 6, ma la dirigenza newyorkese non ha voluto aspettare, chiudendo così in fretta e furia l’affare con i Mavericks, appena KP ha chiesto la cessione.

A confermare questa supposizione, poi, è stato anche il presidente della franchigia Steve Mills, a margine del match disputato dai suoi Knicks contro Grizzlies nella giornata di ieri (perso per 96 a 84, ndr).

[Porzingis e il suo agente] ci hanno incontrato su loro richiesta. Lui ha ammesso l’interesse di voler essere scambiato e che, al termine della stagione, non avrebbe rifirmato con noi da free agent. Noi lo abbiamo ringraziato per la sincerità e l’onesta, e per premiarlo abbiamo voluto sistemare subito la situazione. C’erano 8 possibili scenari per lui di diverse squadre, ma dovevamo chiudere in fretta.

Knicks President Steve Mills gives insight on the team’s decision to trade Kristaps Porzingis. pic.twitter.com/9tdFxzsSFO


Sulla base di queste affermazioni, dunque, è chiaro che vi era già da tempo la volontà del front office di NYK di cedere il loro pezzo pregiato alla prima occasione utile, sintomo di una frattura ormai insanabile ma anche della volontà di liberarsi di un peso diventato eccessivamente ingombrante. Sopratutto alla luce dei grandi investimenti che, nella prossima estate, i Knicks proveranno ad effettuare per portare nella Grande Mela numerosi campioni pronti a sposare la loro causa.

In conclusione, l’approdo di Porzingis in Texas è stato tra i meno mediatici e dolorosi degli ultimi grandi affari di mercato NBA. Il che, per questi tempi, non è una cosa molto comune (chiedere a LeBron e a KD per conferma….).

Tommaso Ranieri
tommi-ranieri@hotmail.it

Studente di Giurisprudenza, amante del basket, in modo particolare del campionato NBA, e dello sport in generale.

No Comments

Post A Comment