Seth Curry: "Alla gara del tiro da 3 punti come Steph e mio padre"
129304
post-template-default,single,single-post,postid-129304,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Seth Curry: “Alla gara del tiro da 3 punti come Steph e mio padre”

Seth Curry: “Alla gara del tiro da 3 punti come Steph e mio padre”

Seth Curry, point-guard dei Portland Trail Blazers e fratello del più noto Stephen Curry che stanotte ha spazzato via i Pelicans, sta mantenendo ottime medie al tiro da 3 punti da quest’anno. La sua partecipazione all’All-Star Weekend tra i migliori realizzatori da oltre l’arco, dunque, è quasi sicura.

SETH CURRY: LE SUE DICHIARAZIONI SULLA PARTECIPAZIONE ALLA GARA DEL TIRO DA 3 PUNTI

 

Curry, 28 anni, in azione con la maglia di Portland. Questa è la sua prima stagione nell’Oregon.

 

Come riportato da Casey Holdal per NBA.com, l’ex Dallas Mavericks ha espresso candidamente il suo desiderio di voler provare a vincere un trofeo che in famiglia sono abituati a vedere, dato il trionfo dello Splash Brother Stephen nell’edizione 2015. Anche papà Dell, quando ancora era professionista, aveva partecipato alla competizione, senza però riuscire a vincerla.

Ho sempre desiderato partecipare alla gara da quando mio padre lo faceva tanti anni fa. L’All-Star Game, inoltre, si disputerà a Charlotte quest’anno. Sarà ancora più bello

Seth Curry si è soffermato sopratutto sulla volontà di voler gareggiare contro Stephen, il quale in precedenza aveva aperto ad un suo ritorno nella competizione.

“[Steph Curry, ndr] aveva detto anni fa che avrebbe partecipato al Three Point Contest qualora l’All Star Game si fosse disputato a Charlotte. Beh, questo mi sembra che accadrà. Sarà bello gareggiare contro di lui, ci metterei tutto me stesso e farò di tutto per batterlo

In questa stagione il 28enne ha giocato 40 partite, viaggiando con un ottimo 48,6% da oltre l’arco dei 3 punti. Dato che fa di Seth Curry il miglior tiratore dell’intera lega, seguito da altri giocatori, tra cui Derrick Rose (45,7%) e lo stesso Stephen Curry con il 45,6%. Tale percentuale in classifica è, comunque, limitata dal ridotto numero di tentativi a partita (2,8), frutto del basso minutaggio dell’ex Sacramento Kings.

 

In conclusione, al di là di ogni considerazione, un aspetto risulta chiaro: il binomio tra il tiro da 3 punti e la famiglia Curry non smetterà mai di venir meno.

 

Tommaso Ranieri
tommi-ranieri@hotmail.it

Studente di Giurisprudenza, amante del basket, in modo particolare del campionato NBA, e dello sport in generale.

No Comments

Post A Comment