Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsLos Angeles Lakers Rissa sfiorata tra Shannon Sharpe e Tee Morant in Lakers-Grizzlies

Rissa sfiorata tra Shannon Sharpe e Tee Morant in Lakers-Grizzlies

di Michele Gibin
shannon sharpe tee morant

Rissa sfiorata tra il padre della star dei Memphis Grizzlies Ja Morant, Tee Morant, e Shannon Sharpe, ex giocatore NFL e oggi polemista sportivo per Fox Sports, all’intervallo della partita alla Crypto.com Arena tra Memphis e i Los Angeles Lakers.

Sharpe e Tee Morant sono stati separati dalla security dell’arena, dopo un diverbio verbale e con l’hall of famer NFL che cercava di avvicinarsi per un confronto fisico. Presto vicino ai due si è creato un capannello di persone, con presenti anche alcuni giocatori dei Grizzlies tra cui Steven Adams, tra i più infervorati, e lo stesso Morant, che stavano uscendo dal campo per tornare negli spogliatoi per l’intervallo.

Shannon Sharpe è stato allontanato per qualche minuto dalla security per calmarsi, e ha poi ripreso il suo posto a sedere alla ripresa della partita nel terzo quarto.

Dopo la partita è stato lo stesso Sharpe a spiegare quella che è perlomeno la sua versione dei fatti. Il personaggio TV e volto di The Undisputed, talk show sportivo popolare negli USA che conduce in coppia con Skip Bayless, ha accusato i giocatori dei Memphis Grizzlies di essere “dei finti duri”.

Loro parlano, dicono un sacco di cose ma a me non piace. Dillon Brooks è stato il primo, gli ho detto che era troppo piccolo per marcare LeBron James e lui mi ha mandato affanc***o. Io gli ho risposto, poi lui è venuto da me e io gli ho chiesto se cercasse problemi, e si è avvicinato anche Ja. Poi è arrivato anche il papà (Tee Morant, ndr), e nessuno di loro cercava problemi, alla fine… ma io ero pronto a darglieli, questi qui non ingannano nessuno“.

Sharpe e Morant Sr sono stati fermati al momento dello scambio dalla security dell’arena, e in un secondo momento, a mente più fredda, si sono scambiati una stretta di mano e un abbraccio pacificatore alla fine del terzo quarto di gioco. Nei video amatoriali diffusi sui social dai presenti, si vedono Shannon Sharpe e Morant gridarsi contro per alcuni secondi, prima di essere separati dalle persone occorse sul posto.

La partita l’hanno vinta i Lakers, che hanno rimontato uno svantaggio di 10 punti nel quarto periodo e spezzato per 122-121 la striscia di 11 vittorie di fila dei Grizzlies. LeBron James ha chiuso con 23 punti, 9 rimbalzi e 6 assist, per Russell Westbrook, MVP di serata, 29 punti con 5 rimbalzi e 6 assist in 31 minuti dalla panchina, i Lakers hanno segnato 41 punti nel quarto quarto. Dall’altra parte 23 punti per Ja Morant ma con un brutto 9 su 29 dal campo e 5 palle perse, a Memphis non sono bastati 20 punti a testa dalla panchina di Brandon Clarke e Tyus Jones.

I Lakers hanno “vendicato” il KO nel finale di due giorni prima contro i Kings, e la notizia di serata è che Anthony Davis, out per infortunio da metà dicembre, potrebbe tornare in campo tra una settimana.

You may also like

Lascia un commento