fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsGolden State Warriors Dopo LeBron, Anche Curry e Lillard prendono posizione sull’omicidio Arbery

Dopo LeBron, Anche Curry e Lillard prendono posizione sull’omicidio Arbery

di Michele Gibin

Assieme a LeBron James, anche le altre star NBA prendono posizione sull’omicidio di Ahmaud Arbery, il 25enne ucciso a colpi d’arma da fuoco lo scorso 23 febbraio a Brunswick, Georgia, a seguito di una colluttazione con Travis McMichael, 34 anni ed il padre Gregory, 64 anni. Arbery era stato fermato per strada mentre faceva jogging, perché sospettato di alcuni furti in zona. Dopo un breve confronto fisico, dal fucile di Travis McMichael sono partiti i colpi che hanno ucciso il giovane.

Il 5 maggio era apparso in rete un video amatoriale di circa 30 secondi, che ha ripreso le fasi del confronto ed il momento in cui partono i colpi d’arma da fuoco. I due McMicheal, che in un primo momento non erano stati arrestati, ora rischiano l’incriminazione per omicidio e aggressione aggravata. L’avvocato difensore dei due ha sostenuto le azioni degli uomini in qualità di vigilanti, autorizzati dalle leggi dello stato dello Georgia ad effettuare arresti in caso di flagranza di reato. Secondo la difesa, sarebbe stato Arbery (che era disarmato) il primo ad aggredire Travis McMichael.

James, e successivamente anche Steph Curry dei Golden State Warriors e Damian Lillard dei Portland Trail Blazers hanno rilanciato via social la campagna con la foto di Ahmaud Arbery, la vittima, e la scritta: “Ucciso da due uomini, padre e figlio, armati mentre facevo jogging in strada. Nessuno dei due uomini è stato incriminato, il mio nome è Ahmaud Arbery”.

E’ disgustoso che cose del genere accadano ancora“, scrive Curry su Instagram “Non guardate il video, vicinanza alla famiglia di Arbery, ricordiamo il suo nome“. Nella giornata di giovedì, a seguito dei nuovo elementi introdotti dal video, i due presunti assassini sono stati arrestati e condotti nel carcere di Brunswick.

Sui social, LeBron James aveva commentato: “Siamo letteralmente cacciati giorno dopo giorno, ogni volta che mettiamo un piede fuori di casa. Non possiamo nemmeno uscire per una corsa! Stiamo scherzando? Nessun arresto? Riposa in pace Ahmaud, le mie condoglianze alla tua famiglia“.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi