Boston Celtics battuti dai Suns, Irving: "Alti e bassi, la stagione NBA e così"

Celtics battuti dai Suns, infortunio e stop per Aron Baynes, Irving: “Alti e bassi, la stagione NBA è così”

Celtics battuti dai Suns, infortunio e stop per Aron Baynes, Irving: “Alti e bassi, la stagione NBA è così”

Boston Celtics, sconfitta casalinga contro i Phoenix Suns ed infortunio per Aron Baynes nella nottata di mercoledì.

La partita del lungo australiano è durata poco più di due minuti. Contatto di gioco e frattura alla mano sinistra per Baynes. Come riportato da Shams Charania via Twitter, l’infortunio richiederà un intervento chirurgico, mentre per il giocatore si profila uno stop di almeno 30-40 giorni.

A Boston, Suns-Celtics termina 111-103 per gli ospiti.

Per i Celtics, oltre al danno la beffa. Al TD Garden di Boston è arrivata per Kyrie Irving e compagni la seconda, inaspetta sconfitta consecutiva. Sconfitta che spegne la recente fiammata bianco-verde da 8 vittorie consecutive che ha riportato i celtics a ridosso del primo posto nella Eastern Conference nel mese di dicembre.

25 punti, 5 rimbalzi e 8 assist di Devin Booker, ed una doppia-doppia da 23 punti e 18 rimbalzi di DeAndre Ayton lanciano i Phoenix Suns (8-24). Ayton approfitta dell’assenza di Al Horford (sesta gara consecutiva saltata dall’ex Hawks per una tendinite al ginocchio sinistro) e di Aron Baynes, subito fuori dai giochi, e domina sotto i tabelloni.

La vittoria a Boston è la quarta consecutiva per Phoenix: “Abbiamo avuto un sacco di incontri, di meeting in cui abbiamo parlato delle tante sconfitte, di come sono arrivate. Ci siamo guardati negli occhi e ci siamo detti: ‘nessuno si dispiacerà per noi se continueremo a perdere’“. Così Devin Booker.

I Suns salutano inoltre l’ottimo esordio di Kelly Oubre Jr. Il talento da Kansas ha debuttato in maglia Suns con 13 punti e 6 rimbalzi in 25 minuti di gioco.

Boston Celtics, Kyrie Irving: “Alti e bassi, la stagione NBA è così”

 

Per Boston, 16 palle perse ed attacco “lento”, nelle parole di coach Brad Stevens. Celtics senza Horford, Marcus Morris e da oggi senza Aaron Baynes, ed all’inizio di una sequenza di partite casalinghe estremamente insidiosa. Milwaukee, Charlotte e Philadelphia prima di partire per l’ovest, con tappe a Houston e Memphis.

L’emergenza nel reparto lunghi contringerà Stevens ad affidarsi al rookie Robert Williams III (8 punti e 8 rimbalzi con 5 stoppate, ma grande sofferenza contro Ayton), giocatore in crescita ma ancora acerbissimo, ed al tedesco Daniel Theis.

L’assenza di Aron Baynes peserà in difesa. I Boston Celtics hanno concesso sinora solo 97.7 punti su 100 possessi con l’australiano in campo, ed oltre 102 con Baynes in panchina.

A fine gara, Kyrie Irving riflette su ciò che attende i suoi Celtics nelle prossime gare:

Per noi si tratta di rimanere in partita. Se ci riusciamo, abbiamo sempre una chance di vincere. Ma ci sono partite in cui chiaramente questo non avviene. Non possiamo permettercelo, non possiamo subire e guardare gli arbitri o altro. Creare un gruppo coeso è parte del nostro processo di crescita, partita dopo partita (…) La stagione NBA è così. Ci sono periodi buoni, in cui giochi bene e vinci tante partite, e momenti di buio (…) ora dobbiamo recuperare terreno, e continuare a lavorare giorno dopo giorno per diventare la miglior squadra possibile

 

Irving ha chiuso la sua gara con 29 punti, 10 assist, 5 rimbalzi 4 recuperi e 5 triple a bersaglio.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment