Steve Kerr su Luke Walton: “I Lakers perdono uno dei migliori, non sempre l’ambiente giusto”

Sono bastate solo 72 ore ai Los Angeles Lakers dopo le dimissioni di Ervin Magic Johnson per licenziare anche il capo allenatore Luke Walton. Continua l’effetto domino della prima stagione fallimentare di LeBron James ai Lakers, che per la quinta volta dall’addio di Phil Jackson nel 2011 si ritrovano a cercare sul mercato un nuovo capo allenatore.

Effetto domino che si sta riversando anche sui giocatori, indiscrezioni dell’ultima ora dicono infatti che i Los Angele Lakers avrebbero ripreso “il filo” su un’idea con i Chicago Bulls per una trade che coinvolgerebbe Lonzo Ball. il prodotto di UCLA, scelto alla numero 2 del draft del 2017, dopo due stagioni non proprio convincenti potrebbe essere oggetto dell’ennesimo addio dell’era Luke Walton.

in merito alla vicenda Walton, si è espresso anche il coach dei Golden State Warriors Steve Kerr, che conosce bene Luke, per averlo avuto come suo assistente nei primi anni a Golden State Warriors dal 2014 al 2016.

Steve Kerr elogia Luke Walton: “I Lakers hanno perso tanto, non sempre l’ambiente è quello giusto”

Così Kerr a Anthony Slater microfoni: “I Lakers hanno perso una delle migliori persone, umanamente parlando, dell’intera lega. Qualcuno che sa guadagnarsi la fiducia dei suoi giocatori, e ceh conosce il gioco come pochi al mondo. Mi dipsice per lui, non sempre si ha la fortuna di essere nell’ambiente giusto“.

Palese l’opinione di coach Kerr che si schiera apertamente dalla parte di Walton, e che non dimentica il periodo che i due hanno attraversato insieme e l’aiuto che Walton gli ha dato negli anni di Golden state.

Quel periodo coincide infatti con i problemi fisici che costrinsero Kerr a stare lontano dal campo, con Walton dovette prendere spesso le sue veci, e che nel ruolo di head coach contribuì alla vittoria del titolo nel 2017 guidando la squadra per buona parte della post season.

Per i Lakers, in questo momento privi di un capo allenatore, si prospettano giorni di grande lavoro, alla ricerca del giusto sostituto che guiderà la prossima stagione, si vocifera di un interessamento che vede coinvolto Tyronn Lue, ex giocatore dei Lakers ed ex allenatore di LeBron James a Cleveland, che la stella di Akron conosce già molto bene e con cui ha vinto il titolo NBA nel 2016.