Italia, brutta sconfitta contro la Russia a Verona, Sacchetti: "Spenta la luce"
145472
post-template-default,single,single-post,postid-145472,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Italia, brutta sconfitta contro la Russia a Verona, Sacchetti: “Si è spenta la luce”

italia russia verona

Italia, brutta sconfitta contro la Russia a Verona, Sacchetti: “Si è spenta la luce”

Sconfitta per gli azzurri di coach Meo Sacchetti nella seconda partita della Verona Basketball Cup contro la Russia, l’Italia perde per 72-70 dopo aver condotto anche di 15 punti.

Un parziale di 17-0 nel quarto periodo per gli ospiti chiude la partita, oltre 6 minuti di gioco in cui Marco Belinelli e compagni non trovano mai il canestro, mentre la Russia mette definitivamente il naso avanti con un tiro da tre punti di Vitalij Fridzon solo all’ultimo secondo.

Un blackout preoccupante per la squadra di coach Sacchetti, che a Verona dopo la larga vittoria contro il modesto Senegal deve ancora rinunciare a Danilo Gallinari (dimesso giovedì dopo l’operazione per appendicite) ed all’acciaccato Gigi Datome. L’Italia parte con Gentile, Biligha, Hackett, Brooks e Belinelli e la Russia va subito sotto per 22-7 nel primo quarto.

Senza Alex Shved la Russia fa fatica in attacco ma riduce i danni, chiudendo 32-40 il primo tempo e rimanendo in scia degli azzurri, prima dell’ultimo quarto da incubo per l’Italia. Sacchetti prova diverse soluzioni, fa esperimenti con quintetti piccoli che però subiscono il fisico dei russi, ma nonostante le rotazioni e la condizione fisica ancora ovviamente imperfetta l’Italia è ancora in vantaggio di 10 lunghezze (63-53) a fine terzo quarto.

Sono solo 5 i punti segnati nell’ultima frazione per gli azzurri. Nikita Kurbanov e Fridzon guidano la rimonta, il veterano del Lokomotiv Kuban sigla il sorpasso con una tripla ad 1.1 secondi dal termine.

Si è spenta la luce nel quarto quarto” Così Meo Sacchetti a fine gara “Abbiamo sbagliato tanti liberi, rimesse fatte male, una questione di lucidità dobbiamo lavorarci sopra. Fa un po’ male perdere una partita così, anche se non conta il risultato. Partita che ci servirà (…) avevamo fatto un bel break, eravamo sopra di 10 punti, poi in un attimo troppi errori, loro sono stati bravi. Noi non dovevamo arrivare all’ultimo tiro“.

Spero che per il futuro ci siano due giocatori in più” Chiude coach Sacchetti.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment