fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationApprofondimenti Nets preview 2019/20: crescere…in attesa di Kevin Durant

Nets preview 2019/20: crescere…in attesa di Kevin Durant

di Andrea Ranieri

Redenzione. I Brooklyn Nets sembrano vicini ad averla raggiunta. Dopo le disastrose operazioni che qualche stagione fa portarono in dote i vari Paul Pierce, Kevin Garnett, Joe Johnson e Deron Williams. Dopo i tanti anni spesi ad attendere, senza una squadra competitiva e senza scelte al Draft. Dopo una stagione sorprendente, in cui il grande lavoro di coach Atkinson ha portato a sorpresa i playoff. Il tempo del “dopo” è finito; è giunto quello dell'”ora“. In attesa del ritorno sui campi di Kevin Durant, c’è curiosità per la nuova Brooklyn di Kyrie Irving e delle sorprese. Ecco a voi la Nets preview 2019/20.

Cosa è successo nella stagione 2018/19

  • Record: 42-40
  • Piazzamento: seed #6, Eastern Conference
  • Rendimento playoff:  sconfitta al primo turno, 4-1 vs Philadelphia 76ers
  • Offensive Rating: 108.9
  • Defensive Rating: 109.0
  • Team Leaders: D’Angelo Russell (21.1 PTS); Ed Davis (8.6 REB); D’Angelo Russell (7.0 AST)
  • Numero chiave: 101.5 (pace). Mantenere ritmi alti è stata la vera chiave di una squadra con un solo vero solista e tanti ottimi giocatori.

I movimenti estivi

KD-Free agency 2019-Kevin Durant storia

Kevin Durant.

Naturalmente il grande mercato dei Brooklyn Nets ha costretto a dei sacrifici: primo fra tutti quello di D’Angelo Russell, che ha fatto le valigie in direzione Oakland nell’operazione che ha portato nella Grande Mela Kevin Durant. Non solo KD ovviamente, anzi. A spingere l’ex Warriors a Brooklyn ha fortemente contribuito la scelta del suo grande amico Kyrie Irving, arrivato in free agency, proprio come DeAndre Jordan, l’ultimo pezzo dei nuovi Big Three. A portare freschezza e atletismo sono arrivati Taurean Prince e David Nwaba, mentre Wilson Chandler e Garrett Temple sono chiamati a fornire esperienza e qualità.

Nets preview 2019/20: il gioco

Non potrà cambiare molto dalle idee della scorsa annata, almeno fino al rientro di Kevin Durant. La guida cadrà certamente nelle mani di Kyrie Irving, che dovrà essere capace di tenere i ritmi alti ogni volta che sarà possibile e dovrà garantire soluzioni individuali a giochi rotti, ma non solo. Il roster dei Nets è ricco di giocatori capaci di muoversi negli spazi lasciati dalla difesa: Joe Harris col catch and shoot, Caris Levert e Taurean Prince attaccando gli spazi senza palla. Per questi comprimari sarà importante che Kyrie crei spazio con i suoi uno contro uno e con il pick and roll. E non è un caso infatti che i lunghi principali dei nuovi Nets, DeAndre Jordan e Jarrett Allen, siano ottimi rollanti e ricevitori dinamici, un’intuizione che a Boston era mancata. In contumacia Kyrie Irving non possiamo dimenticarci di Spencer Dinwiddie, che sarà alternativa importante nella famosa creazione a difesa schierata e fattore non sottovalutabile giocando senza la sfera. Ricetta semplice dunque: ritmi sempre alti quando possibile, spazio all’uno contro uno e al pick and roll a metà campo, creando spazi in cui gli ottimi gregari di coach Atkinson possano leggere e muoversi.

Nets preview 2019/20: il movimento senza palla delle “non stelle” sarà ancora elemento fondamentale

E poi c’è la difesa. Per puntare ad arrivare in fondo quei 109 punti subiti su cento possessi sono troppi. L’arrivo di DeAndre Jordan mette davanti a Jarrett Allen un secondo rim protector di livello. Ma gli aiuti dei due lunghi potranno essere giovevoli solo se gli esterni riusciranno a rispettare le proprie responsabilità individuali con costanza. Tradotto: non ci si può far battere facilmente in uno contro uno (sulla palla e distante dalla stessa). L’arrivo di un difensore di spessore come David Nwaba, insieme all’atletismo di Taurean Prince e Caris Levert, fa pensare a prospettive migliori in questo senso. La vera domanda è: basteranno tre ottimi difensori perimetrali a supplire alle carenze in retroguardia di Kyrie Irving e Joe Harris? Domanda interessante, attorno alla cui risposta ruoteranno molte delle fortune dei Brooklyn Nets.

Nets preview 2019/20: permettere ai rim protector di far bene il loro lavoro può voler dire ritmi alti

Un potenziale fattore: Spencer Dinwiddie

Possibile che nei Nets di Kyrie Irving, DeAndre Jordan e (poi) di Kevin Durant il possibile fattore chiave si chiami Spencer Dinwiddie? A noi pare proprio possibile. Dinwiddie non avrà un ruolo diverso da quello in uscita dalla panchina che ha avuto nell’ultima stagione, ma a cambiare è il peso del compito. Non basterà solo saper giocare insieme a Kyrie Irving, ma anche al suo posto. E questo vuol dire saper creare da soluzioni individuali e da pick and roll, una responsabilità molto seria. Tanto più perché ora non basta arrivare alla post-season, ma serve farlo tra le teste di serie. La capacità di Spencer Dinwiddie di adattarsi a un nuovo livello, in attacco ma anche in difesa, dirà tanto del futuro prossimo di Brooklyn.

Dove possono arrivare i Nets?

Nets preview 2019/20: il nuovo obiettivo è migliorare quanto fatto dalla squadra guidata da D'Angelo Russell

Nets preview 2019/20: il nuovo obiettivo è migliorare quanto fatto dalla squadra guidata da D’Angelo Russell

La prima sensazione, in attesa dell’esito della vicenda Rodion Kurucs e contando la squalifica di venticinque match per Wilson Chandler, è quella di una squadra profonda, che ha mantenuto i propri gregari principali. La chiave sarà immettere il loro lavoro corale nello spazio che necessitano talenti come Kyrie Irving e Kevin Durant. Considerando quest’ultimo fuori per la stagione, immaginare i Nets fuori dai playoff pare comunque difficile. E se Kyrie saprà immergersi bene in ciò che faceva Russell, neanche l’arrivo nei primi quattro posti è precluso. Irving ha fatto tanti errori a Boston, ma è uno che dagli errori impara. I primi quattro posti a Est come obiettivo ragionevole. In attesa. In attesa che torni Kevin Durant e che i Brooklyn Nets siano i favoriti per il titolo NBA 2020/2021. Intanto, crescere.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi