Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsDallas Mavericks Dallas-OKC, Kyrie Irving: “Vincerà chi gestisce meglio il ritmo e la fisicità”

Dallas-OKC, Kyrie Irving: “Vincerà chi gestisce meglio il ritmo e la fisicità”

di Carmen Apadula

Kyrie Irving, dopo aver aiutato i Dallas Mavericks a vincere Gara 5 per 104-92 (contro gli Oklahoma City Thunder), ha parlato di quanto sia fisicamente impegnativo giocare le Western Conference Semifinals.

“Si tratta di ritmo e fisicità” ha detto. “Anche la scorsa serie era fisica, ma il ritmo era un po’ diverso. Credo che questa serie mi abbia messo alla prova fisicamente, mentalmente ed emotivamente”.

E, nonostante tutto, ha una media di: 14.4 punti, 6.8 assist e 2.4 rimbalzi.

L’approccio di Irving fino ad ora è stato tattico e composto. Si è concentrato sulle giocate giuste da fare, in base a come si presentava la difesa. Per tutta la serie, Irving ha affrontato un intenso esame difensivo, essendo spesso bersaglio di doppie e di coperture difensive aggressive.

“Mi tengono addosso quelli più atletici, e questo mi rende le cose difficili” ha confessato. “Quindi non mi dispiace rinunciare a me stesso per creare opportunità buone per i miei compagni di squadra, e mi piace vederli giocare bene”.

Irving ha infatti sottolineato l’importanza del saper leggere le difese. Del rimanere pronto a prendersi tiri più impegnativi quando è necessario, e del restare intenzionato ad avere un forte impatto difensivo, oltre che continuare a prendere ciò che gli viene dato offensivamente.

Mentre alcuni giocatori potrebbero non essere disposti a rinunciare alle prestazioni individuali come ha fatto Irving, lui ha ammesso che per giungere a questa conclusione ha dovuto maturare molto. Non vuole cadere in quella che ha descritto come una “trappola”, e cioè il fissarsi sul punteggio personale.

“Ho parlato di questo alcune volte, ma con il me stesso più giovane. Ho buttato troppe volte via le cose buone che stavo facendo perché volevo concentrarmi sul mio punteggio personale” ha spiegato. “Quindi non voglio cadere in quella trappola. Voglio davvero concentrarmi sulle vibrazioni positive che mi vengono date dai miei compagni di squadra”.

La profondità del roster dei Mavericks si è infatti rivelata cruciale, in particolare in Gara 5. E, anche dal punto di vista difensivo, i Mavs hanno sviluppato una solida identità, che Irving ha sottolineato con orgoglio.

“Siamo cresciuti e abbiamo permesso alla fiducia nelle reciproche abilità di fiorire” ha concluso. “Avremo bisogno che la nostra profondità si faccia valere e ci fornisca la giusta scintilla dalla panchina. Per ora, ci preoccupiamo solo di giocare a basket con il nostro stile”.

La vittoria in Gara 5 ha portato i Mavericks in vantaggio di 3-2 nella serie. Un’ulteriore vittoria farebbe avanzare Dallas alle Western Conference Finals, contro quella che (tra Minnesota e Denver) riuscirà a trionfare. 

You may also like

Lascia un commento