fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Adam Silver su LeBron James, Cina e Morey: “Lui e tanti altri criticati a priori”

Adam Silver su LeBron James, Cina e Morey: “Lui e tanti altri criticati a priori”

di Michele Gibin

Nell’infinita vicenda NBA-Cina, il ruolo del Commissioner Adam Silver è stato quello del parafulmine, come diremmo a queste latitudini. Preso tra incudine e martello, Silver ha preso le difese di Daryl Morey, general manager degli Houston Rockets ed autore del tweet della discordia pro Hong Kong, senza però tracciare una linea netta di separazione tra la Cina dei ricchissimi sponsor e la NBA.

E dopo le dichiarazioni “pro domo sua” di LeBron James, che aveva definito Morey “poco accorto”, e poco attento ai potenziali danni economici e diplomatici delle sue opinioni, Adam Silver è sceso di nuovo in campo per difendere la star dei Los Angeles Lakers dai duri attacchi dei giorni scorsi: “Per tutti i giocatori, e soprattutto per un personaggio come LeBron James, che con il suo impatto ha cambiato in meglio la vita di tante persone negli Stati Uniti, potersi esprimere su delicate questioni internazionali fa parte della libertà d’espressione e del diritto di parola. Quel che dico e che ripeto sempre è che libertà di parola significa anche libertà di non dire nulla. Se vi sono dei temi su cui non ci si è formati un’opinione precisa, non è necessario rispondere, va bene anche così. Tanti giocatori si sono ritrovati in una situazione in cui avrebbero ricevuto critiche a priori, per cui io sto con loro“.

View this post on Instagram

A post shared by Get Up! (@getupespn) on

La crisi NBA-Cina è costata alla lega una caduta di stile tra i milioni di tifosi della Repubblica Popolare, ed atti dimostrativi da parte dei colossi che sponsorizzano e diffondono in Cina i contenuti NBA. Perdite quantificabili in milioni di dollari di introiti sfumati, con la mancata messa in onda delle due partite di pre-season tra Lakers e Brooklyn Nets.

Con il ritorno negli USA delle due squadre e con l’inizio della stagione 2019\20 alle porte, la tensione tra Pechino ed NBA ha iniziato ad allentarsi, nonostante i botta e risposta diplomatici tra Silver e le autorità cinesi – per mezzo della TV di stato CCTV – su richieste di licenziamento di Morey. Tencent, colosso delle tecnologie digitali cinese, ha ripreso a trasmettere le gare NBA, così come CCTV. La NBA rappresenta anche in Cina un affare troppo grosso, ed un passatempo nazionale troppo importante perché la crisi possa trascinarsi ancora a lungo

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi