Andre Iguodala verso le finali: "Sono vecchio, ma sono pronto alla sfida"
139574
post-template-default,single,single-post,postid-139574,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Andre Iguodala verso le finali NBA: “Sono vecchio, ma sono pronto alla sfida”

rockets iguodala

Andre Iguodala verso le finali NBA: “Sono vecchio, ma sono pronto alla sfida”

Andre Iguodala ed i Golden State Warriors giocheranno a partire da giovedì 30 maggio la quinta finale NBA consecutiva, alla ricerca del primo “three-peat” dai tempi dei Los Angeles Lakers 2000-2002 di Shaquille O’Neal e Kobe Bryant.

Una corsa eccezionale per “Iggy”, veterano con alle spalle ormai 15 stagioni NBA, ed addirittura un titolo di MVP delle finali (nel 2015, contro i Cavaliers di Mr LeBron James). Un Andre Iguodala consapevole che i suoi anni da giocatore siano quasi giunti al termine, a 35 anni e con una freschezza atletica ben dimostrata da una post season 2019 percorsa a quasi 30 minuti di media a partita per degli Warriors alle prese con gl’infortuni di Kevin Durant e DeMarcus Cousins.

Iguodala ha saltato in via precauzionale l’ultima partita della serie tra Warriors Portland Trail Blazers, a causa di un problema al polpaccio sinistro che non desta comunque grande preoccupazione.

Sembro giovane, ma sono vecchio… in questa stagione non ho potuto dosare le forze come in passato, ho giocato tanti minuti, minuti importanti in partite importanti. Sono finora riuscito a gestirmi bene. Sono state cinque stagioni (quelle passate da Iguodala a Oakland, ndr) veramente lunghe, soprattutto quest’ultima, a volte è stato davvero difficile farmi trovare pronto… in ogni caso la mia carriera è quasi terminata, quindi arrivati a questo punto non importa molto

Andre Iguodala è al secondo anno di un ricco contratto triennale da 48 milioni di dollari, somma necessaria per trattenere ad Oakland un giocatore tatticamente fondamentale per coach Steve Kerr. La sua versatilità difensiva ha risolto i secondi finali di gara 2 della finale di Conference contro Portland, e l’ex giocatore dei Philadelphia 76ers sta inoltre viaggiando con il 37% al tiro dalla lunga distanza in questi playoffs.

I Toronto Raptors attendono gli Warriors in Canada per le prime due partite della finale NBA 2019. E’ probabile che – vista la probabile assenza di Durant per almeno per l’inizio della serie – Iguodala dovrà assumersi in prima persona la marcatura di Kawhi Leonard, l’uomo più pericolo ed uno dei migliori giocatori di questa post-season.

Se continuerò dopo il 2020?” Così Iguodala a Mark Medina del Mercury NewsNon lo so, deciderò quando ci saremo, potrei continuare ancora un anno, ma dovrò volerlo io“.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment