Anthony Davis: "Chicago è la Mecca della pallacanestro, c'è legame unico"
144367
post-template-default,single,single-post,postid-144367,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Anthony Davis: “Chicago è la Mecca della pallacanestro, c’è un legame unico”

Anthony Davis: “Chicago è la Mecca della pallacanestro, c’è un legame unico”

Per un nativo del South Side come Anthony Davis, quartiere difficile della metropoli statunitense, Chicago rimane sempre e comunque la “Mecca” della pallacanestro. La star dei Los Angeles Lakers è in questi giorni nella sua città per partecipare al Nike Rise Camp alla Kenwood High School, e l’evento è stata al’occasione per ripercorre le sue esperienze da giovane prospetto liceale:

“E’ sempre bello tornare qui (a Chicago, ndr) e mettere a disposizione tutto quello che ho imparato per i ragazzi, che hanno voglia di fare ed ascoltare” Spiega Davis “Da ragazzo ho partecipato a tanti camp, quelli Nike e quelli individuali organizzati da LeBron (James, ndr), Kevin Durant e Amar’e (Stoudemire, ndr)

Quando interrogato riguardo il rapporto che la città dell’Illinois ha con la palla a spicchi, ha risposto:

“L’amore della città per il gioco è incredibile. Questi bambini vogliono solo divertirsi giocando, che la palestra sia fredda o troppo calda, o che al campetto inizi piovere o meno. E’ così per tutti i giocatori di basket, ma a Chicago è diverso, siamo una città votata alla pallacanestro. Giochiamo in qualsiasi condizione.”

Davis ha continuato definendo Chicago:

“La Mecca del basket. E potete citare il mio virgolettato!”

In effetti, lo United Center, casa dei Bulls, si è piazzato al secondo posto per media di pubblico durante la stagione appena conclusasi. Nonostante il record negativo di 22-60, solo i tifosi dei Philadelphia 76ers sono stati più presenti di quelli di Chicago. Un’altra dimostrazione di quanto la città sia affezionata alla squadra e allo sport, come affermato da Anthony Davis, con buona pace dei suoi nuovi tifosi di Los Angeles.

Parlando di Lakers, il nuovo membro della franchigia di Jeanie Buss ha speso qualche parola riguardo il nuovo roster dei gialloviola:

“Dopo i fatti della free-agency penso siamo messi alla grande, ho fiducia nel nostro roster, possiamo fare bene.”

Ora Davis sarà atteso da una stagione davvero importante, durante la quale, al fianco di Lebron James, dovrà puntare a riportare la sua franchigia ai playoffs, e a competere per un titolo. Tali sono le aspettative minime per una coppia di stelle su cui i Lakers hanno investito praticamente tutto.

 

Lorenzo Brancati
lolbra99@gmail.com

Malato di sport a 360 gradi. Seguo e faccio finta di capire di diversi sport, dal basket al calcio, fino ai motori, passando per il football americano e il baseball. Mi piace leggere e provare a scrivere farneticazioni a riguardo. Aspettando Godot, mi diverto a giocare con le parole e la palla a spicchi.

No Comments

Post A Comment