Celtics, Kemba Walker: "A Charlotte perfetto ogni sera, qui nuovo ruolo"
144427
post-template-default,single,single-post,postid-144427,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Celtics, Kemba Walker: “A Charlotte perfetto ogni sera, qui nuovo ruolo”

Kemba Walker

Celtics, Kemba Walker: “A Charlotte perfetto ogni sera, qui nuovo ruolo”

La nuova sfida di Kemba Walker è di quelle importanti. Lasciata l’amata Charlotte ed una squadra non in grado di assecondare le ambizioni del prodotto di UConn, Walker non vede l’ora di iniziare il secondo capitolo della sua carriera e ritrovare finalmente i playoffs con i Boston Celtics.

Gli Hornets di Walker hanno saltato la post-season per tre stagioni consecutive, nonostante la concorrenza non sempre di grande livello per i posti di ripiego nella Eastern Conference. A nulla è valsa lo scorso anno la stagione da All-NBA di Kemba, gli uomini di coach James Borrego non hanno saputo qualificarsi nonostante lo sprint finale.

A Boston, Walker troverà una squadra più competitiva, un ambiente vincente, compagni di alto livello ma anche qualche incognita. I Celtics sono reduci da una stagione “traumatica”, in cui i sogni di grandezza si sono infranti contro le difficoltà di chimica di squadra e contro i patemi d’animo di Kyrie Irving.

Kemba Walker: “I playoffs sono il massimo, non vedo l’ora”

Irving e Al Horford, i due leader dello spogliatoio bianco-verde, non ci sono più. Al loro posto ecco Kemba Walker ed il turco Enes Kanter: “Non sto nella pelle” Così Walker a NBC Sports Boston “Non vedo l’ora di tornare ai playoffs, li ho giocati solo due volte ed è stata una delle esperienze più belle della mia carriera, c’è così tanta intensità in campo, voglio esserci anche io“.

Rispetto a Charlotte” Prosegue Kemba “Il mio ruolo dovrà cambiare. Non avverto più quel peso sopra le mie spalle, la responsabilità di dover essere perfetto ogni sera come a Charlotte (…) con il talento che abbiamo in squadra, e con così tanti realizzatori, le cose saranno diverse“.

Uno dei realizzatori citati da Walker sarà, nei piani dei Celtics, Gordon Hayward.

L’ex stella degli Utah Jazz avrà spazi e responsabilità maggiori in attacco, la partenza di Irving e di Terry Rozier ha diminuito la concorrenza e Kemba Walker avrà come obiettivo principale quello di coinvolgere il suo compagno di reparto: “Ci sarà tanto spazio, io sono un giocatore altruista. Amo attaccare il canestro e segnare, ma quando la difesa si concentra su di me so come trovare i miei compagni (…) Gordon (Hayward, ndr) non ha giocato la sua miglior stagione l’anno scorso, ma quest’anno avrà una nuovo chance. Volevamo portare Gordon a Charlotte anni fa, oggi non vedo l’ora di giocare assieme a lui“.

L’arrivo di Kemba Walker è il risultato di una trattativa-lampo del “solito” Danny Ainge. Dopo la partenza di Horford, e dopo aver preso atto della volontà (piuttosto manifesta) di Irving di lasciare Boston, Ainge non ha esitato a blindare Walker con un contratto al massimo salariale, approfittando dei tentennamenti degli Charlotte Hornets: “Walker sarà una grande addizione per noi, lo sarebbe stato in qualunque squadra. E’ un giocatore intelligente e ha grande esperienza, e dopo i tanti riconoscimenti personali vuole vincere con la sua squadra (…) Il suo ruolo? Non dovrà cambiare molto in realtà, mi aspetto da lui il meglio di quello che sa fare. non lo caricheremo del peso di trascinare gli altri, non sarebbe giusto“.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment