fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsMiami Heat Playoffs NBA, degli Heat “Troppo rilassati” KO in gara 4 contro i Bucks senza Giannis

Playoffs NBA, degli Heat “Troppo rilassati” KO in gara 4 contro i Bucks senza Giannis

di Michele Gibin

Parla di “squadra troppo rilassata” Jimmy Butler dopo la sconfitta dei suoi Miami Heat in gara 4 delle semifinali della Eastern Conference contro i Milwaukee Bucks, privi di Giannis Antetokounmpo.

L’MVP in carica ha dovuto abbandonare la partita nel secondo quarto di gioco dopo un nuovo infortunio alla caviglia destra già malconcia dopo la storta di gara 3. Antetokounmpo cade a terra in preda al dolore dopo un contatto con Andre Iguodala e subito si teme il peggio per il greco, che si rialza dopo qualche minuto e viene accompagnato negli spogliatoi.

Senza Giannis, che in soli 11 minuti aveva già segnato 19 punti, i Bucks non si disuniscono e continuano a giocare per tenere viva la loro stagione, e dopo un tempo supplementare la spuntano con un grande Khris Middleton (36 punti, 8 rimbalzi e 8 assist) che segna il canestro decisivo.

Heat-Bucks gara 4, Butler “Ci siamo rilassati troppo”

Gli Heat falliscono dunque la possibilità di un secondo sweep in questi playoffs dopo quello rifilato agli Indiana Pacers, ma restano in vantaggio per 3-1 nella serie. La presenza di Antetokounmpo in gara 5 è in forte dubbio, e nessuna squadra nella storia NBA ha mai rimontato e vinto una serie dopo essere stata in svantaggio per 0-3.

Credo proprio che ci siamo rilassati troppo“, spiega Butler che in gara 4 non riesce ad incidere come in passato nel quarto periodo (17 punti con 5 rimbalzi a fine partita) “Abbiamo smesso di giocare nella maniera giusta, abbiamo smesso di difendere, smesso di seguire i nostri principi difensivi. Non abbiamo preso i palloni contestati, ci hanno battuto a rimbalzo. Davvero male“.

I Bucks hanno messo in campo la più classica delle prove d’orgoglio, affidandosi ai veterani Middleton, George Hill e Brook Lopez e ritrovando la difesa che in regular season era statala migliore di tutta la NBA. Eric Bledsoe è ancora esitante a tratti in attacco, ma cattura 10 rimbalzi, serve 6 assist e si butta su tutte le palle vaganti, dalla panchina Donte DiVincenzo ci mete la giusta grinta ed ha persino i due tiri liberi per la vittoria a 1.9 secondi dalla fine dei tempi regolamentari. Il suo 1 su 2 manda però tutti all’overtime, dove Middleton segna i canestri importanti.

Sono le triple di Tyler Herro, Duncan Robinson e Jae Crowder a tenere in equilibrio la partita per gli Heat. Bam Adebayo è il migliore in campo per Miami (26 punti, 12 rimbalzi e 8 assist a fine gara con 10 su 13 al tiro) mentre per la prima volta in questa serie faticano in attacco Butler e Goran Dragic (solo 1 su 9 al tiro da tre punti).

Abbiamo giocato come una squadra in vantaggio per 3-0, ovvero senza quello sforzo e spirito di sacrificio necessari“, così Adebayo “Loro sono sempre una buona squadra, e noi avremmo dovuto giocare come in gara 1, 2 o 3. Non abbiamo dato il massimo, oggi“.

Parla di “poca mentalità vincente” Jae Crowder, 18 punti con 6 su 12 al tiro da tre “Non so se l’infortunio di Giannis sia stato il motivo, ma non abbiamo avuto la giusta mentalità“.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi