Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsBoston Celtics Playoff NBA, i Boston Celtics non sbagliano e dominano gara 4, è 2-2

Playoff NBA, i Boston Celtics non sbagliano e dominano gara 4, è 2-2

di Mario Alberto Vasaturo

I Boston Celtics vincono gara 4 con un altro blowout di questa serie. I Miami Heat non entrano mai in partita e il primo quarto lo testimonia: 3/20 al tiro, con 0/14 e subendo un parziale da 18-1 per i Celtics nei primi 8 minuti di partita. In tutta la partita il quintetto titolare degli Heat segna solo 18 punti, non accadeva dal 1971. Una partita senza storia in cui Boston ha saputo respingere ogni lieve tentativo di rientro di Miami. 

Disatro Miami Heat

La squadra di coach Erik Spoelstra gioca probabilmente una delle peggiori partite della stagione. 16/54 da due punti e 30/90 dal campo. Soltanto Victor Oladipo ha provato a suonare la carica per i suoi quando il pallone sembrava non voler entrare, esce dalla panchina e segna 23 punti con 4 rimbalzi e 6 assist.

Jimmy Butler non trova mai ritmo e sbaglia praticamente tutto, tira  3/14 dal campo per un totale di soli 6 punti. Anche Bam Adebayo, dopo una grandiosa gara 3 da 31-10-6, non si fa vedere, come nelle prime due gare della serie, segnando solo 9 punti. 0/11 combinato per Max Strus e PJ Tucker, anche loro non pervenuti. Insomma, una sconfitta sonora che non ha salvato praticamente nessuno, neanche i più costanti. Duncan Robinson riesce a trovare un po’ di spazio e di ritmo solo nelle fasi finali della partita, quando il verdetto era già scritto, ma non si direbbe che sia uscito dal suo periodo buio.

I Boston Celtics dominano nonostante il tiro da tre

Per Boston, ovviamente, ci sono tante risposte positive da parte di molti giocatori. Derrick White si rende subito protagonista del parziale iniziale dei Celtics segnando i primi 7 punti della gara e non facendo rimpiangere l’assenza di Marcus Smart, fuori presumibilmente per la storta alla caviglia di gara 3. Jayson Tatum, dopo una prestazione terribile in gara 3 da 10 punti e 7 palle perse, risponde da campione e mette a referto 31 punti, 8 rimbalzi, 5 assist e un solidissimo 8/16 al tiro.

Al contrario, Jaylen Brown rimane un po’ in ombra, dopo i 40 punti della partita precedente, non riesce a trovare ritmo e  chiude con 5/20 al tiro e 12 punti. Non può mancare l’apporto fondamentale di Al Horford, che non si rende protagonista in attacco (solo 5 punti), ma in difesa giganteggia. Per lui 13 rimbalzi, 4 stoppate e tante giocate sporche, nel senso più positivo del termine. 

Nonostante il dominio però, ciò che salta all’occhio è la percentuale da tre punti dei bianco-verdi: 23% con 8/34. Con un dato del genere probabilmente tutti avrebbero rischiato di perdere e, proprio per questo, tale vittoria ha un valore ancor più grande. Dall’altra parte Miami rimpiangerà di non aver sfruttato una serata del genere, che tendenzialmente capita raramente ai Boston Celtics.

Adesso la serie si sposta di nuovo in Florida dove, nella notte tra Mercoledì e Giovedì, si giocherà quella che potrebbe essere la gara decisiva della serie. 

You may also like

Lascia un commento