fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsLos Angeles Lakers Lakers-Jazz: LeBron James e l’infrazione di doppio palleggio: “Che brutta roba…”

Lakers-Jazz: LeBron James e l’infrazione di doppio palleggio: “Che brutta roba…”

di Michele Gibin

La premiata ditta LeBron James-Anthony Davis travolge anche gli Utah Jazz in difficoltà alla Vivint Smart Home Arena, i Los Angeles Lakers si impongono per 121-96 in una partita da 14 su 29 al tiro da tre punti, e da 32 a 5 nei punti in contropiede.

James non tira con grandi percentuali dal campo (9 su 21) ma chiude con 20 punti e 12 assist, ben più efficace Davis che, nonostante l’influenza, segna 9 dei suoi 11 tiri e chiude con 26 punti. Dalla panchina, Rajon Rondo sfiora la tripla doppia e chiude con 12 punti, 12 assist e 9 rimbalzi in 32 minuti.

I Lakers partono forte e dopo il primo tempo conducono già per 65-47, senza Mike Conley, sono Donovan Mitchell e Bojan Bogdanovic a tentare di riportare i Jazz in partita, ma senza successo. Mitchell chiude con 29 punti in 33 minuti, ma Utah concede ai Lakers il 51.1% al tiro, troppo per pensare di tenere la miglior squadra della Western Conference a tiro.

In una partita a senso unico, due “highlights” con protagonista LeBron James spiccano: una clamorosa infrazione di doppio palleggio non sanzionata nel primo quarto, con James che ad inizio azione e dopo aver varcato la linea di metà campo accompagna il pallone per tre-quattro passi, prima di rimetterlo a terra e servire Kentavious Caldwell-Pope, ed un “balletto” senza scarpe eseguito a bordo campo per celebrare una giocata difensiva della squadra… mentre sedeva in panchina.

Il doppio palleggio? Probabilmente una delle cose più inguardabili che abbia mai fatto in campo in vita mia” Ammette LeBron nel post gara. I suoi Lakers hanno ottenuto un’altra vittoria prestigiosa in trasferta, dopo quella di Denver di 24 ore primaNon ci avevo fatto caso, poi a fine primo tempo uno dei coach me l’ha fatta vedere (…) stavo guardando lo schema, stavo seguendo KCP (Caldwell-Pope, ndr), poi credo Mitchell lo ha fatto cadere mentre tagliava ed io mi sono fermato. Credo che il mio cervello mi abbia giocato uno scherzo, un malfunzionamento“.

Un momento di comicità involontaria, sicuramente materiale per Shaquille O’Neal ed il suo “Shaqtin’ a Fool” soprattutto per la reazione dei giocatori dei Jazz e degli spettatori in prima fila, che tentano invano di segnalare agli arbitri la vistosa infrazione.

LeBron James si attira in un secondo momento le critiche di Matt Harpring, ex giocatore NBA e oggi commentatore per le partite degli Utah Jazz. Nel quarto quarto, a partita ormai chiusa e con James in panchina e già senza scarpe, la difesa Lakers con Kyle Kuzma (13 punti e 4 recuperi difensivi in 31 minuti) e Jared Dudley nega a Rudy Gobert due punti facili sotto canestro. A palla ancora attiva, anche dall’inquadratura TV si osserva LeBron James celebrare la giocata entrando involontariamente in campo ed improvvisando un balletto sul posto. “Una grande mancanza di rispetto” Attacca Harpring.

Utah Jazz che raccolgono la terza sconfitta consecutiva, e la quinta nelle ultime sei partite. Coach Quin Snyder lancia l’allarme nel post gara: “Ad inizio stagione vedevo applicazione difensiva, invece ultimamente concediamo troppo, e lasciamo che tutto ci condizioni: un tiro sbagliato, un fischio mancato, una palla persa… è tutto lì, rimane lì e noi non sappiamo girare pagina e pensare alla partita“.

Mike Conley ha saltato la gara per un guaio muscolare alla gamba sinistra. Finora, l’inserimento nel sistema Jazz dell’ex star dei Memphis Grizzlies è stato solo parziale, Conley ha iniziato la stagione tirando con un modesto 36.9% dal campo, e con 4.6 assist a fronte di oltre due palle perse a partita. “Dobbiamo guardarci allo specchio, ci sono tante cose su cui migliorare” Spiega Donovan MitchellE tutti siamo responsabili“.

LeBron James è invece soddisfatto per la resa dei suoi Lakers dopo un back-to-back insidioso in trasferta: “Sapevamo che avremmo dovuto mettere tanta energia in campo, e nonostante il back-to-back lo abbiamo fatto. Quando difendiamo e corriamo siamo davvero una buona squadra“.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi