fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationLeBron James LeBron James ai fan: “Lakers a vita! Non giocherei in nessun altro posto”

LeBron James ai fan: “Lakers a vita! Non giocherei in nessun altro posto”

di Michele Gibin

Dalla sua quarantena dorata a Los Angeles, California, LeBron James continua a tenere i contatti con i suoi fan via Instagram, con tanto di video in famiglia. I una sessione di Q&A con i suoi followers via IG, LeBron James si è preso del tempo per raccontare alcuni retroscena risalenti alla stagione 2011\12, la sua seconda in maglia Miami Heat, e rispondendo poi ad un’altra domanda ha giurato fedeltà eterna ai Los Angeles Lakers.

A 35 anni, James è alla sua terza squadra NBA dopo Heat e Cleveland Cavs, ed il suo contratto con i giallo viola scadrà nel 2022 (player option sul suo ultimo anno). Per allora, King James avrà 37 anni. “Se c’è una squadra in cui non giocherei mai?” LeBron risponde alla domanda “Sto ancora giocando, e come sempre mi lascio ogni opzione aperta. Ma ad oggi, non esiste altra squadra per cui giocherei che non siano i Lakers, Lakers a vita!“.

La sospensione della stagione NBA 2019\20 a causa dell’aggravarsi dell’epidemia da Sars-CoV2 anche negli Stati Uniti ha posto temporaneamente fine alla caccia per James del terzo titolo NBA con la sua terza squadra in carriera, dopo i 3 anelli vinti con Heat e Cavs. Se LeBron James riuscisse nell’impresa, diventerebbe solo il terzo giocatore di sempre a riuscirvi, dopo Robert Horry (Rockets, Lakers e Spurs) e John Salley (che vinse da “ex-ritirato” il titolo NBA 2000 sempre con i Lakers, dopo le vittorie con Detroit Pistons e Chicago Bulls). Ad oggi, LeBron James è inoltre l’unico giocatore NBA in attività ad avere la possibilità di attentare al record di punti segnati in carriera di Kareem Abdul-Jabbar, e le sue 9 finali NBA in carriera lo pongono oggi al di sotto dei soli Bill Russell, Abdul-Jabbar e Sam Jones (Boston Celtics).

Nelle prossime settimane la NBA deciderà, previo nulla osta delle autorità sanitarie nazionali, se e in quale formato far ripartire la sua stagione. L’idea di massima è quella di riprendere (con tutta probabilità a porte chiuse) nel mese di luglio, e probabilmente direttamente dai playoffs, prendendo come valida la classifica all’11 marzo 2020.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi