Home NBA, National Basketball AssociationLeBron James Lakers, LeBron James sta con Shannon Sharpe “365 giorni l’anno”

Lakers, LeBron James sta con Shannon Sharpe “365 giorni l’anno”

di Michele Gibin
lebron james shannon sharpe

Tee Morant o Shannon Sharpe? LeBron James non ha dubbi e si schiera dalla parte dell’Hall of Famer NFL e polemista in carriera di Fox Sports, nel match verbale tra i due durante la partita tra Lakers e Grizzlies di giovedì notte.

Sharpe e Tee Morant, padre e “bodyguard” della star di Memphis Ja Morant, sono andati vicini allo scontro fisico alla fine del primo tempo della partita alla Crypto.com Arena, i due erano seduti a pochi metri di distanza nelle prime file e hanno innescato un diverbio a cui hanno preso parte anche alcuni giocatori dei Grizzlies, tra cui Steven Adams e Dillon Brooks, che quando c’è da discutere non si tira mai indietro.

Brooks, Morant e Sharpe avevano già iniziato a beccarsi durante la partita, a dire la verità, Tee Morant si è poi inserito in un secondo momento mentre le due squadre tornavano negli spogliatoi per l’intervallo. Shannon Sharpe, oggi co-conduttore assieme a Skip Bayless di The Undisputed su Fox Sports, aveva poi spiegato dopo la partita la sua versione dei fatti, e – cosa più importante – si era spiegato con tanto di abbraccio pacificatore con Tee Morant prima della ripresa del gioco.

LeBron James ha commentato brevemente l’episodio e preso le parti di Sharpe, che nel suo show veste spesso le vesti del sostenitore a oltranza del numero 6 dei Lakers, contro “‘l’hater” Bayless.

Con chi sto? Con Shannon Sharpe 365 giorni l’anno, 366 negli anni bisestili e 24 ore su 24 e 7 giorni alla settimana. Lui mi sostiene sempre per cui io sostengo sempre lui. E lui sa benissimo difendersi da solo, peraltro“.

d’altro canto, il battibecco con Brooks è nato in campo proprio per via di LeBron, con Sharpe che additava il giocatore canadese di Memphis di essere “troppo piccolo” per marcare LBJ. A fine primo tempo, Dillon Brooks, Adams e Morant, sia senior che junior, si sono avvicinati a Shannon Sharpe per chiedere spiegazioni, tanto che ha dovuto intervenire la security dell’arena a separare il personaggio TV dal capannello di persone che si era creato.

Dopo la partita, vinta dai Lakers per 122-121 grazie a un canestro di Dennis Schroder, Brooks si è chiesto come mai Sharpe non fosse stato allontanato dall’arena come da regolamento: “Non avrebbero dovuto lasciarlo tornare al suo posto, ma siamo a Los Angeles dopo tutto…“.

Brooks ha poi spiegato come, nonostante la sconfitta, sia riuscito a tenere LeBron James a soli 23 punti con 8 su 21 al tiro: “Lui non vuole andare a sinistra, tendenzialmente. E io gli ho concesso solo quello, e lui a quel punto o si fermava o passava il pallone. E poi occorre essere fisico con lui, andare petto contro petto e spalle, e non lasciargli tiri facili“.

You may also like

Lascia un commento