fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsBrooklyn Nets Nets, Kyrie Irving è perfetto al rientro: “Finalmente, sentite troppe su di me”

Nets, Kyrie Irving è perfetto al rientro: “Finalmente, sentite troppe su di me”

di Michele Gibin

L’assenza dell’ultimo minuto di Trae Young rende ancora più semplici le cose per i Brooklyn Nets e per Kyrie Irving al rientro, dopo due mesi e 26 partite saltate per un infortunio alla spalla destra.

Al suo ritorno in campo, Irving è di nuovo e subito in quintetto base al posto di Caris LeVert, e di fianco a Spencer Dinwiddie e Joe Harris, ed i Nets viaggiano placidi verso il 108-96 finale segnando 37 punti nel solo primo quarto, Kyrie Irving rimane per 20 minuti sul parquet e chiude con 21 punti e 10 su 11 al tiro, con 4 rimbalzi e 3 assist.

Irving che a fine serata è anche il miglior realizzatore dei suoi: “Non sapete quanto mi sia mancato questo gioco, quanto lo ami. La partita? Mi piacerebbe tirare sempre con 10 su 11! Ma non è nulla che mi sorprenda, io so quanto lavoro metto in quello che faccio, e so che così i risultati arrivano“, così Kyrie dopo la partita, iniziata con un errore al tiro e poi proseguita senza più errori. Coach Kenny Atkinson ha risolto senza patemi la questione quintetto base, con LeVert (a sua volta rientrato da poco da uno stop lungo) da sesto uomo, e che ha chiuso la sua partita con 13 punti (4 su 14 al tiro) e 3 recuperi difensivi.

Caris LeVert aveva già iniziato dalla panchina le precedenti tre partite dopo il rientro, già dunque preparato al suo nuovo ruolo. “Quando si ha a che fare con dei grandi giocatori di pallacanestro, e con delle grandi menti di pallacanestro, ci si adatta a giocare con chiunque ci sia in campo” Così Irving.

Al suo rientro, Kyrie Irving ha finalmente potuto parlare più liberamente del problema fisico che lo ha tenuto fermo così a lungo: “E’ stata dura, ci è voluto tempo. Ed ho avuto dubbi sulla mia spalla, sulla longevità, ma dopo essere riusciti a mettere delle basi solide, il resto è venuto più facilmente“.

Io continuerò ad essere me stesso, a parlare con i miei compagni e a dare consigli. Non intendo replicare, ma sono state dette troppe cose sulla mia presenza in uno spogliatoio

Spencer Dinwiddie ha chiuso la sua partita con 7 punti e 8 assist in appena 25 minuti, l’uomo che durante i due mesi di assenza di Irving ha contribuito più di ogni altro a tenere i Brookly Nets in zona playoffs guarda con fiducia al resto della stagione, con la loro star di nuovo al suo posto: “Le cose cambiano, (senza Irving, ndr) ci siamo ritrovati una squadra nuova, ma bisogna giocare, comunque sia. Io? Preferisco segnare 21 punti in una squadra che vince, rispetto a 25 in una squadra in cui debba finirmi ogni sera. Il mio apporto non mancherà, non mi vedo a segnare due punti di media da qui alla fine, ora abbiamo la possibilità di vincere più partite“.

Come gruppo, dovremo essere bravi ad impedire che (Irving ndr) faccia cose che possano mettere ancora a rischio la sua integrità fisica. Lo conosciamo, e sappiamo cosa può fare. Noi abbiamo solo retto il forte per lui

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi