fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsLos Angeles Lakers All-Star Game: Pau Gasol e Sue Bird ricordano Kobe Bryant e David Stern

All-Star Game: Pau Gasol e Sue Bird ricordano Kobe Bryant e David Stern

di Michele Gibin

Prima della palla a due dell’evento di apertura dell’All-Star Weekend 2020 di Chicago, il Rising Stars Challenge, Pau Gasol e Sue Bird hanno ricordato le figure di Kobe Bryant e David Stern, scomparsi nel mese di gennaio.

Un commosso Gasol, amico ed ex compagno di squadra ai Los Angeles Lakers di Bryant, ha reso omaggio a Kobe, alla figlia 13enne Gianna Maria ed alle altre 7 vittime del disastro aereo di Calabasas, Los Angeles, lo scorso 26 gennaio: “Siamo fortunati e felici di essere qui a Chicago, e proprio qui vogliamo ricordare la scomparsa di David Stern, ex Commissioner NBA, e la tragica morte del mio caro amico e compagno di squadra Kobe Bryant, in un incidente aereo, assieme a sua figlia Gigi ed alle altre 7 persone coinvolte. Perdite che ci hanno spezzato il cuore, e che pesano enormemente sul mondo dello sport, e sulla grande famiglia NBA“.

Il contributo dato al gioco, alla NBA e alla WNBA di Kobe Bryant e David Stern non è quantificabile“, Sue BirdSenza David Stern, non oggi non saremo qui, l’All-Star Game NBA è stato il suo nipote prediletto. E Kobe, con le sue 18 convocazioni, i 4 MVP e l’epica vittoria nella gara delle schiacciate. Il loro impatto non sarà mai dimenticato“.

La pallacanestro è oggi un gioco globale grazie a Stern e Kobe, ed io sono onorato di aver lavorato al loro fianco, e di chiamarli amici. L’All-Star Game celebra l’amore per la pallacanestro, quell’amore che entrambi incarnavano. So che David e Kobe vorrebbero vederci sereni oggi, divertirci e giocare a basket, e goderci ogni singolo attimo di tutto questo. Il mio caro amico Kobe diceva sempre: ‘fai sempre qualcosa di epico’. Per cui, passiamo un grande weekend in loro onore

Nella giornata di venerdì, la James Naismith Basketball Hall of Fame ha ufficializzato gli 8 finalisti per la classe 2020, tra cui vi sono Tim Duncan, Kevin Garnett e Kobe Bryant, che come anticipato dal presidente Jerry Colangelo verrà inserito postumo nella sala della gloria del basket mondiale.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi