Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Raptors Media Day, Ujiri: “Quest’anno sono solo…” Gasol: “Squadra ancora affamata”

Raptors Media Day, Ujiri: “Quest’anno sono solo…” Gasol: “Squadra ancora affamata”

di Michele Gibin
masai ujiri knicks

Un anno dopo, per sua stessa ammissione, Masai Ujiri è solo sul podio delle interviste al Media Day dei campioni NBA 2019 Toronto Raptors. Kawhi Leonard, che dallo stesso posto 12 mesi fa si esibì nella gag “Fun Guy” (con risata virale annessa) è oggi lontano, a Los Angeles, ma Toronto si affaccia alla stagione 2019\20 con ottimismo.

E senza rimpianti. Ujri sa come il business NBA opera, e non se ne fa cruccio: “Funziona così, va compreso. Si guarda avanti e si fanno nuovi piani, ci sono tanti motivi per essere ottimisti in questa squadra, i nostri veterani ed i nostri giovani che sono pronti a spiccare il volo“. OG Anunoby, Fred VanVleet e soprattutto il gioiello Pascal Siakam sono “Pronti a salire di livello, sono pronti alla sfida“.

Raptors Media Day, Ujiri su Lowry: “E’ una leggenda”

La partenza di Leonard ha privato naturalmente la squadra del suo miglior giocatore, il rischio che un gruppo di veterani ed All-Star come Kyle Lowry e Marc Gasol possa ritrovarsi in difficoltà in alcuni punti della stagione, senza la guida del due volte MVP delle finali NBA esiste.

Le certezze su cui ripartiranno i Raptors di coach Nick Nurse saranno l’esperienza acquisita lo scorso anno e lo status di campioni. Nella scorsa stagione, Leonard saltò 24 delle 82 partite di regular season, e la squadra ne non risentì particolarmente, affacciandosi ai playoffs 2019 da seconda testa di serie nella Eastern Conference.

Come mi aspetto i nuovi Raptors?” Così il neo campione del mondo con la sua Spagna Marc GasolChe siano affamanti. Questa è una squadra che ha ancora fame, sappiamo quanto Kawhi (Leonard, ndr) sia stato importante per noi. Ma sappiamo anche di avere una buona squadra, e siamo disposti a dare tutto“.

Il mercato estivo dei Raptors è stato privo giocoforza di nomi altisonanti, dopo il boom della off-season 2018. In Canada sono arrivati Rondae Hollis-Jefferson e Stanley Johnson III, due ali con potenziale su entrambi i lati del campo, che si alterneranno al fianco di Pascal Siakam. Kyle Lowry e Fred VanVleet i punti fermi nel reparto guardie, con Ujiri e coach Nurse che si attendono un terzo anno in crescita di OG Anunoby, dopo i lampi della sua stagione da rookie ed i problemi fisici dello scorso anno.

Kyle Lowry è un giocatore con uno status di leggenda, ormai” Così Ujiri, il cui rapporto con la point guard 5 volte All-Star non è mai stato privo di frizioni “E tutti noi tendiamo a sottovalutare la cosa. Il suo modo di giocare, tutto ciò che ha fatto per questa franchigia, dicono tutto su di lui. I nostri rapporti? Ogni tanto mi fa venire il mal di testa, ma diciamo che ci vogliamo bene così. Quello che ha fatto per i Raptors e per la città non ha eguali. Chi l’avrebbe detto, sei anni fa?“.

Masai Ujiri: “Siakam resta qui, nessun dubbio”

Partito Leonard, i Raptors sentono di avere nel camerunense Pascal Siakam il prototipo del giocatore franchigia negli anni a venire. Siakam ha ancora due anni di contratto, e sarà eleggibile per la sua rookie scale extension già nell’estate 2020.

“Vogliamo tenerlo, nessun dubbio a riguardo” Così Ujiri “Abbiamo iniziato a parlarci con i suoi agenti e siamo estremamente fiduciosi” Coach Nurse ha grandi piani per Siakam: “Quest’anno avrà una possibilità enorme di spaziare, di ampliare il suo gioco, avrà tantissimo la palla in mano”.

You may also like

Lascia un commento