fbpx
Home NBANBA News Zion Williamson cresce alla seconda partita, Pelicans battuti dai Nuggets: “Ci vuole pazienza”

Zion Williamson cresce alla seconda partita, Pelicans battuti dai Nuggets: “Ci vuole pazienza”

di Michele Gibin

I New Orleans Pelicans raccolgono la seconda sconfitta consecutiva alla seconda uscita stagionale di Zion Williamson, che ancora con un minutaggio limitato impressiona davanti al pubblico di casa.

Pels battuti per 113-106 dai Denver Nuggets di Nikola Jokic, che in 35 minuti di gioco chiude con 27 punti e 12 rimbalzi, con 7 assist e 4 recuperi difensivi, e di un Torrey Craig che approfitta dello spazio apertosi con gli infortuni di Jamal Murray e Miles Plumlee e termina la sua gara con una doppia doppia da 16 punti e 10 rimbalzi.

Per Williamson, 22 minuti di campo, 7 su 9 al tiro e 15 punti con 6 rimbalzi, e di nuovo lo Smoothie King Center ad “implorare” coach Alvin Gentry di dare più minuti alla prima scelta da Duke, nel finale di partita, come già successo all’esordio due giorni prima contro gli Spurs.

Gentry che non rischia nei minuti finali della partita, a risultato già acquisito: “Abbiamo deciso così, è la cosa migliore per lui e per noi, a lungo termine, e non cambieremo idea“. In campo, Williamson ha chiuso con un +16 di plus\minus, migliore dei suoi e l’unico assieme a Jrue Holiday e Josh Hart con un saldo positivo nella particolare statistica. “Ogni giorno mi devo sentir dire che sono l’allenatore più stupido del mondo” Spiega GentryMa va bene così, e la cosa più giusta da fare per noi“.

Alvin Gentry ha poi confermato come lo staff medico dei Pelicans gli abbia consigliato, in questa prima delicata fase, di far iniziare i quarti periodi in campo a Williamson, piuttosto che farlo entrare a quarto in corso: “Ed io sono d’accordo al 100%. E’ una decisione presa da persone capaci, di cui ci fidiamo ciecamente. Chiaramente, con Williamson in campo sembriamo proprio una bella squadra, ma noi dobbiamo pensare a lungo termine“.

Ala sua seconda recita in maglia Pelicans, Zion Williamson ha dichiarato di essersi trovato meglio in campo con i suoi compagni: “Mi pare di aver giocato una buona gara, ho sbagliato un paio di assist che Lonzo (Ball, ndr) e Jrue Holiday mi avevano servito, che avrebbero dovuto essere due canestri facili, ed abbiamo sofferto a rimbalzo d’attacco con me in campo, per cui due aree su cui fare meglio“. Partita difficile in attacco per Brandon Ingram, limitato a soli 13 punti (3 su 11 al tiro) con 5 assist: per l’ex giocatore dei Los Angeles Lakers due prove consecutive sottotono nelle ultime due partite (6 su 22 combinato al tiro).

Dobbiamo ancora assestarci” Ammette Jrue HolidayAndiamo avanti a strappi ultimamente, anche quando Zion non è in campo, per cui dobbiamo salire un poco di livello“.

Dovremo solo essere pazienti“, rassicura coach Gentry “Ed arrivare al momento in cui Williamson potrà giocare i normali minuti previsti“.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi