fbpx

Il prossimo anno per la NBA sarà un qualcosa di storico che verrà ricordato nel corso del tempo, a prescindere dai suoi risultati sportivi.

Infatti con l’inizio della stagione 2015-2016 entrerà in vigore il nuovo accordo per i contratti televisivi, che alzerà di molto il budget della lega rispetto ai (già tantissimi) 930 milioni di dollari messi a disposizione fino a oggi.

Infatti, stando a diversi report, il nuovo budget dovrebbe arrivare a raggiungere i 2,66 miliardi di dollari, ovverro il triplo di quanto incassa oggi: il risultato di questa pioggia di soldi sarà quello di una lega molto più ricca, e la logica conseguenza di una lega più ricca sarà quella di avere delle squadre molto più competitive, economicamente e sportivamente, che potranno alzare gli stipendi dei giocatori in modo sensibile.

Schematizzando la situazione con la tabella qui sotto, si può vedere la progressione della crescita del cap di una singola squadra NBA e della relativa luxury tax: come si può notare, nel giro di tre stagioni si arriverà ad avere quasi aumento del 62% di disponibilità salariale.

Salary Cap Luxury Tax
Current $63 100 000 $76 800 000
2015-2016 $67 100 000 $81 600 000
2016-2017 $89 000 000 $108 000 000
2017-2018 $108 000 000 $127 000 000

Ma tutto questo come influirà su una squadra sempre attenta al dato economico come i Thunder? Se si pensa al fatto che Westbrook e Durant sono vicini alla scadenza di contratto e che a partire dall’anno prossimo potranno avanzare richieste adeguate alla nuova disponibilità della franchigia, la situazione per Sam Presti non è delle più facili.

Infatti nel grafico sotto riportiamo i salari dei fab-4 di Oklahoma per la prossima stagione, ipotizzando che Kanter rinnovi quest’anno a circa 12 mln di dollari (cifra verosimile stando alle voci di mercato che riporta welcometoloudcity.com)

Player Salary
Kevin Durant 20.16
Russell Westbrook 16.74
Serge Ibaka 12.35
Enes Kanter 12.00
Total 61.25

Si arriverebbe a raggiungere una cifra di poco superiore ai 61 milioni di dollari, ovvero quasi tutto il margine del salary cap 2015-2016: la conseguenza di tutto ciò è che per la prossima stagione si assisterà, come avevamo già riportato in un articolo settimana scorsa, al primo storico ingresso per la franchigia nella luxury tax da quando il patron Clayton Bennett ha spostato la squadra da Seattle a Oklahoma.

Le cose non migliorano neanche nella stagione successiva, quella 2016-2017: infatti in quest’anno ci sarà il nuovo contratto (considerato sulla base delle modifiche ai diritti televisivi spiegati prima) per Kevin Durant. Il suo rinnovo previsto a 26,7 milioni di dollari porterebbe così ad alzare nuovamente il totale degli stipendi dei quattro giocatori di riferimento, che arriverebbe così a 68,81 milioni di dollari.

Player Salary
Kevin Durant 26.70
Russell Westbrook 17.77
Serge Ibaka 12.35
Enes Kanter 12.00
Total 68.81

 

Una situazione che tutto sommato non subirebbe violenti scossoni dall’anno precedente.Tuttavia questo discorso cambia drasticamente con la stagione 2017-2018, in cui saranno Westbrook e Ibaka ad entrare nel nuovo contratto e in cui Kevin Durant riceverà il primo adeguamento salariale del 7,5%. Ipotizzando che i due giocatori richiedano il massimo salariale (forse qualcosa meno Ibaka, ma è difficile prevederlo), il monte stipendi dei quattro giocatori dei Thunder schizzerebbe a 105,5 milioni di dollari.

Player Salary
Kevin Durant 28.7
Russell Westbrook 32.4
Serge Ibaka 32.4
Enes Kanter 12
Total 105.5

 

Una situazione difficile, a dir poco. Sam Presti infatti si troverebbe costretto a tentare di completare la rosa con altri 11 giocatori e un budget di soli 21 milioni prima di trovarsi nuovamente nella luxury tax.

A questo punto quindi sarà necessario che la dirigenza prenda scelte importanti nel modo giusto, trovandosi infatti a scegliere se accettare di finire in luxury tax per così tanti soldi (e per così tanto tempo) pur di mantenere il cuore della squadra unito.

A completare questo quadro abbastanza grigio, bisogna completare le informazioni riportando anche alcune situazioni che coinvolgono altri membri del roster, come ad esempio:

  • Waiters, che al momento percepisce 4 milioni ma che sarà restricted free l’anno prossimo. Osservando che giocatori come Patrick Patterson o Jodie Meeks percepiscono più di 6 milioni annui, non è improbabile che Waiters provi a chiedere un contratto da 8 milioni di dollari annui per quattro anni: a questo punto la dirigenza dei Thunder sarà costretta a fare le sue valutazioni sull’adeguatezza dell’investimento;
  • Steven Adams sarà restricted free agent a partire dalla stagione 2017-2018: tenendo conto del nuovo contratto televisivo visto prima, è possibile che il neozelandese arrivi a richiedere oltre 10 milioni di dollari. Anche in questo caso, la dirigenza dovrà fare adeguate valutazioni se accettare un eventuale rinnovo a certe condizioni oppure no.

Ipotizzando che vengano accettate entrambe le richieste, i Thunder andrebbero a svuotare tutto il margine rimasto a disposizione solo con questi due giocatori, lasciando ancora 9 giocatori da firmare. Tempi duri per Sam Presti e Clayton Bennett: a questo punto gran parte del futuro della squadra sembra passare da Enes Kanter, i cui 12 milioni di dollari peseranno tantissimo. Se Donovan riuscisse a sistemarlo difensivamente, si potrà dire che Oklahoma avrà fatto bingo, altrimenti tutto quello che si è costruito finora si sfalderà in modo inevitabile.

Per NBA Passion,

Matteo Meschi

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi